Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2018: Cherchez la femme | invito a partecipare
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Giampaolo Giampaoli
Il prato bianco

Sei nella sezione Commenti
 

 Giampaolo Giampaoli - 29/10/2017 22:50:00 [ leggi altri commenti di Giampaolo Giampaoli » ]

Ringrazio Franca e Marisa che hanno commentato la mia recensione, ho avuto la possibilità di conoscere Scarabicchi al Festival della Poesia in una conferenza a Castelfranco Emilia e devo dire che per chi ama la poesia sentirlo parlare e recitare i suoi testi è una lezione che può formare nell’anima. Merita il successo che ha avuto.

 Franca Alaimo - 29/10/2017 21:13:00 [ leggi altri commenti di Franca Alaimo » ]

Piace anche a me la poesia di Scarabicchi per quella sua pensosa semplicità, per quella capacità di consegnare tutta la vita in un dire del tutto privo di cerebralismo. Apprezzo anche il suo omaggio ai maestri; per crescere come poeti, ne abbiamo bisogno.

 Marisa Madonini - 26/10/2017 12:27:00 [ leggi altri commenti di Marisa Madonini » ]

Grazie di questa recensione che ci conduce nel mondo del poeta sulle orme di mondi visitati da grandi autori moderni quali Saba, Caproni... La brevità dei componimenti, come si dice nel commeento critico, non priva il lettore di profondità di sentimenti comunicati e salvati da una poesia che cura intensità e musica. Il poeta così avvalora momenti d’essere personali e ne fa immagini universali. Si avverte una grande dedizione per la vita, anche con le sue malinconiche sospensioni e dolori insensati,che resiste per diventare poesia.