Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray [invito a partecipare]
LaRecherche.it sostiene "la via immortale", da un’idea di Lello Agretti
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Arcangelo Galante
Confronto

Sei nella sezione Commenti
 

 Arcangelo Galante - 06/03/2018 20:01:00 [ leggi altri commenti di Arcangelo Galante » ]

Gentile Antonio, grazie per l’interessantissimo intervento, che stimola ad ulteriori, quanto interessanti, riflessioni.
Concordo sul fatto che, così facendo, recuperiamo la traccia di ciò che fummo e anticipiamo quella di ciò che saremo: ma così, però, ci perdiamo in quella che siamo, ovvero quella che non esiste.
Ecco perché rimane indispensabile lasciarla, come utile memoria e confronto con chi avrà il piacere di trovarla e condividerla, o meno.
Contento che l’aforisma ti sia piaciuto, cordialmente saluto!

 Antonio Terracciano - 06/03/2018 19:37:00 [ leggi altri commenti di Antonio Terracciano » ]

Mi è piaciuto questo aforisma. Però, più che la traccia di ciò che siamo, penso che così facendo recuperiamo la traccia di ciò che fummo, e anticipiamo quella di ciò che saremo.