Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Proust 2017: IL PROFUMO DEL TEMPO (Invito a partecipare)
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - III edizione (2017)
Intervista a Daniela Monreale, II classificata sezione Poesia
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Giuliana Campisi
A costo di ragliare

Sei nella sezione Commenti
 

 L’Arbalète - 10/01/2017 22:47:00 [ leggi altri commenti di L’Arbalète » ]

La trovo detta splendidamente, sentenziosa a misura del bene, magistrale, insieme con le altre tue parole.
Brava Giuliana Campisi!
Non per una singolare poesia, ma per un condivisibile punto di partenza sul fare poesia.
Et hony soit qui mal y pense.

 Giuliana Campisi - 10/01/2017 20:41:00 [ leggi altri commenti di Giuliana Campisi » ]

Adoro gli asini e credo, o mi piace crederlo, che il loro ragliare sia un grido di protesta, di volersi far sentire ad ogni costo, per quanto spiacevole possa essere il loro verso, non ne hanno contezza e, forse, e’ cosi’ dovremmo fare noi, gridare a squaciagola pur di scuotere le coscenze altrui.

 Alberto Becca - 10/01/2017 06:54:00 [ leggi altri commenti di Alberto Becca » ]

Non è certo piacevole nè gratificante constatare che per tutti (chi piu’ chi meno) la vita altro non è che un susseguirsi di mire sbagliate, porte che ci si chiudono dinnanzi, parole a vuoto ("al vento", non scoltate, non capite..)lotte contro problemi o persone iraggiungibili e/o invincibili, errori, deviazioni, chiaro scuri... Giorno dopo giorno ci si rende conto che gli umani e inevitabili limitati condizionano pesantemente tutta la nostra esistenza... e ad ogni angolo di strada si affacciano nuovi errori, incomprensioni, ostacoli. La poesia (in particolare questa) è un piccolo-grande rimedio a questo malessere esistenziale, un segreto da tenere custodito, da alimentare, da valorizzare, a volte anche da urlare (senza ragliare..)