Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Giacomo Colosio
Il maestro di biliardo

Sei nella sezione Commenti
 

 Giacomo Colosio - 08/02/2018 19:50:00 [ leggi altri commenti di Giacomo Colosio » ]

Ecco, invece di questo tuo commento non ho ricevuto la notifica, Edi. hai ragione...c’è un po’ d’arguzia( ma tu come hai fatto a capirlo?....ahahahah) e molta nostalgia, era un bel modo di vivere, senza pensieri... ciaociao, e grazie.

 Giacomo Colosio - 08/02/2018 19:48:00 [ leggi altri commenti di Giacomo Colosio » ]

In grave ritardi ringrazio Alessandra, sempre troppo buona con me, anche se non sempre mi merito i complimenti. ciaociao.

 Edi Davoli - 06/02/2018 10:50:00 [ leggi altri commenti di Edi Davoli » ]

Bravo Giacomo! Racconto coinvolgente, che fila dritto come la palla in buca colpita da Massimo. Non manca un pò d’arguzia e un pizzico di nostalgia. Buona giornata!

 Alessandra Ponticelli Conti - 03/02/2018 17:19:00 [ leggi altri commenti di Alessandra Ponticelli Conti » ]

Bravo come sempre.
Ciao Giacomo!

 Giacomo Colosio - 02/02/2018 13:52:00 [ leggi altri commenti di Giacomo Colosio » ]

Ciao Giuliano, sono tornato su la Recherche dopo un po’ di tempo passato su altri siti, e mi sto convincendo che alla fine questo sito, se pur freddino nei contatti umani e negli scambi di "visone" letteraria o poetica, è tuttavia il più serio, ergo il migliore.
Sì, la semplicità della scrittura è una dura conquista...ho scritto per almeno 20 anni alla Proust( ovviamente come paragone...cioè molti aggettivi, frasi lunghe e complicate, insistenza sulle descrizioini particolareggiate) e pian piano sono arrivato a questa sorta di semplificazione minimalista, non facile per altro, almeno per me.
Sì, calma e gesso è un tipico detto dei giocatori di biliardo, essenziale la calma per trovare la perfezione del colpo, indispensabile il gesso per un buon colpo, specialmente come quello di massimo che prevedeva un effetto a sinistra veramente esagerato. Ciaociao, e grazie, passerò a trovarti e credo che posterò altro in questo perido, voglio tornare ad essere assiduo.

 Giacomo Colosio - 02/02/2018 13:46:00 [ leggi altri commenti di Giacomo Colosio » ]

Grazie Rinaldo, mi hai fatto due complimenti che denotano un certo acume letterario, da parte tua, nel senso che hai azzeccato due caratteristiche che nell’arco dei miei 50 anni di passione per la narrativa( e la poesia, che amo ma che mi è meno congeniale, la trovo difficile)sono state viste e riviste, modificate più volte. E queste caratteristiche sono: la scorrevolezza della lettura( e qui c’è un trucco, semplice ma che aiuta molto) e il tentativo di scrivere minimalista, la qual cosa rende il testo essenziale e permette al lettore di "costruirsi" una propria chiave di lettura. A tal proposito potresti leggere il mio L’elastico di Proust...in quel post parlo del minimalismo di Carver. va bene, che dire, dal mio punto di vista il tuo commento è azzeccato rispetto al racconto...io sono del 46, quindi ho 7 anni più di te, ma i tempi sono quelli...anni 60 o poco più. ciaociao.

 Giuliano Brenna - 02/02/2018 13:02:00 [ leggi altri commenti di Giuliano Brenna » ]

Bel racconto, piacevole, semplice e scorrevole. Bravo Giacomo, bel colpo!... e ho imparato perché si dice "calma e gesso".

 Rinaldo Rivarola - 02/02/2018 08:53:00 [ leggi altri commenti di Rinaldo Rivarola » ]

I miei complimenti a Giacomo Colosio, letto tutto di un fiato! Mi ha riportato indietro nel tempo e fatto rivivere episodi analoghi della mia gioventù. Bel racconto, pulito, essenziale, un bel ritmo e grande finale!