Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Giacomo Colosio
La mia Naia: l

Sei nella sezione Commenti
 

 Giacomo Colosio - 08/10/2018 06:45:00 [ leggi altri commenti di Giacomo Colosio » ]

Ciao Antonio, mi sa proprio di sì...gli anni sono quelli, e poi io dopo il Car a Sassari fui trasferito a Cagliari. Al terzo o quarto capitolo ne parlo...Comunque io ti posto il seguito, cioè il secondo capitolo...se tu hai qualcosa in merito alla naia in Sardegna mi piacerebbe leggerlo. Ciaociao.

 Antonio Terracciano - 08/10/2018 00:03:00 [ leggi altri commenti di Antonio Terracciano » ]

L’esperienza della naia di Giacomo, raccontata in modo, come sempre gli succede, limpido e coinvolgente, è abbastanza simile alla mia. Il periodo, credo, è più o meno lo stesso (anni Settanta) , la destinazione pure (lui a Sassari, con nave da Genova, e io a Cagliari, con nave da Napoli) , e la riluttanza alle incombenze della leva sono simili (anche se Giacomo le ha affrontate con maggiore disinvoltura) . Il personaggio che mi ha colpito maggiormente è il barbiere: quello di Giacomo e il mio avevano identiche caratteristiche fisiche e probabilmente anche morali, ma io, non conoscendo il trucco della mazzetta, venni rapato quasi a zero e, inoltre, invogliato a comprare da lui una lozione, più dannosa che inutile, per combattere una leggera forfora...