Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
La classifica del Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
W.H. Auden, L’età dell’ansia, di Franco Buffoni | e-book n. 240]
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Giovanni Rossato
Quasi banale

Sei nella sezione Commenti
 

 Sara Cristofori - 21/12/2019 09:41:00 [ leggi altri commenti di Sara Cristofori » ]

tu sai scrivere, eccome se lo sai, e sai scavare nell’anima non solo tua ma anche di chi ti legge.

 Salvatore Pizzo - 20/12/2019 17:33:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

Il tuo scrivere dimostra che, per dire, bisogna averci qualcosa da dire. E non certo soltanto la pretesa di vuote scatole da riempire di ovvietà e banalità.
Il tuo scrivere è anzitutto esperienza visiva, è esperienza di un’interiorità che s’aggira meditabonda ad interrogare il mondo intorno, riflettendoci sopra ogni frustrazione dell’essere che ci deambula sconfortato.
Sì, come non ritrovarcisi in quel:

"Dove io non posso

è questo vuoto

questo muoversi nelle parole

come fossero altro da me

come fossero cose da usare

come ne fossi diverso."

Sempre mi incanti, non so se te l’ho già scritto. Però te lo ripeto ugualmente, ringraziandoti.

Commento non visualizzabile perché l'utenza del commentatore è stata disabilitata o cancellata.

 Rosa Maria Cantatore - 17/12/2019 16:15:00 [ leggi altri commenti di Rosa Maria Cantatore » ]

ah...saper scrivere è davvero eternità.

Che bei versi hai scritto: così lontani dal vuoto tronfio e insensato di chi s’illude (ahimè) di fare poesia. S’illude.