Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Ada Aliprandi
Piano evasivo

Sei nella sezione Commenti
 

 Roberto Maggiani - 16/11/2014 18:11:00 [ leggi altri commenti di Roberto Maggiani » ]

Ciao Ada, leggo solo ora questa tua. La trovo molto significativa, cosparsa di una struggente malinconia.
"Nessuno parla della nostra solitudine
immersa tra milioni di click"
Ho come l’impressione di vivere questa realtà, talvolta. Il tuo testo mi pare che ben metta in evidenza il fatto che l’umanità viva il suo egoismo e le sue cattiverie a ogni livello esistenziale, incluso quello della rete. In cui si ricreano i giochi delle esclusioni e dei vuoti e dei privilegi e delle prevaricazioni, eccetera, che già si vivono nella vita fisica. Un testo che pur avendo qua e là, a mio avviso, piccole sbavature, nel suo insieme sa elargire la chiarezza, e dunque il sollievo allo spirito, della buona poesia. Grazie.

 Amina Narimi - 09/08/2014 20:16:00 [ leggi altri commenti di Amina Narimi » ]

mi è piaciuta molto
Ciao Ada

 Lorenzo Mullon - 08/08/2014 16:41:00 [ leggi altri commenti di Lorenzo Mullon » ]

il piano invasivo è stato studiato per inscatolarci, ma siamo noi ad averlo attuato, tutta paura e responsabilità nostra

il piano evasivo che pratico e consiglio da anni è la poesia ambulante, una vecchissima ricetta che funziona oggi ancora meglio