Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Klara Rubino
L’amore sospeso l’amore compiuto

Sei nella sezione Commenti
 

 Klara Rubino - 23/03/2018 11:18:00 [ leggi altri commenti di Klara Rubino » ]

Ricordare un ponte che si offre tra noi adesso e le anime del passato, attraversando con i nostri sentimenti attuali le loro gesta.
E’ stato bello cercare di immedesimarmi in mia nonna, nell’atto di scrivere, ventenne, l’ultima lettera al suo amore romantico, disperso in guerra. (sono stata anche un po’ aulica, come si usava allora, specialmente nell’incipit).
In me ho rivissuto il ricordo di quando mi raccont questa storia la prima volta, nella piazza del paese davanti al monumento dedicato ai caduti in guerra Pievesi del il secondo conflitto mondiale, sopra la fontana a doppia bocca di leone, bocche dalle quali a settembre sgorga gratuitamente vino rosso a fiumi e gente di tutte le et ride e schiamazza!
Non avevo mai osservato con attenzione quella lista fino ad allora e non avevo mai compreso quanto amore, quanto dolore, quanta disperazione, fosse l ad ogni riga incisa.
Lo compresi perch li vidi passare nel volto di mia nonna.

Con questa consapevolezza certo, e molti, tormenti, vivo il mio presente, sapendo che sar i ricordi di domani.
Quando su quel ponte tender la mano, vorrei essere sicura di farlo circondata da una sensazione di amorevole conforto e gentilezza.

 Franca Colozzo - 23/03/2018 10:10:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Klara,ho letto con attenzione le due lettere che costituiscono il tuo racconto, dopo che ti avevo scritto un veloce commento dopo una rapida lettura. Devo ammettere che le ho trovate molte belle e scritte in maniera fluida. Leggendole attentamente il testo, sono emerse situazioni che, anche se diverse da quella mia personale, mi hanno riportata indietro nel tempo a meditare sulla prigionia di mio padre nei campi di concentramento. Mi ha colmato di soddisfazioni il risultato ottenuto, dopo anni di ricerca, nel rintracciare i vari campi nazisti dove fu internato mio padre ed a fargli conferire poi la medaglia alla memoria dal Presidente della Repubblica. La memoria , infatti, deve restare sempre accesa come il fuoco delle Vestali, affinch i giovani possano comprendere la portata storica delle due guerre mondiali ed il valore della libert, conquistata a caro prezzo con il sangue dei martiri. Mi piaciuta in particolare nel tuo racconto la forma epistolare che narra pi efficacemente di un testo scritto in maniera classica. In esso racchiuso tutto il dolore di chi rimasto a casa in attesa di qualche notizia proveniente dal fronte o da operazioni per mare, trascritto in maniera semplice ed essenziale. Per i tuoi, poi, cerca di superare i conflitti tipici delle nostre generazioni, essendo io pi vecchia di te (ma sempre in guerra con loro per affermare la mia libert), poich il loro ricordo ti potr pesare in seguito alla loro dipartita, com’ successo a me. Ti auguro una giornata serena. Con affetto. Franca

 Klara Rubino - 23/03/2018 08:43:00 [ leggi altri commenti di Klara Rubino » ]

Buongiorno Franca,
Questo un breve racconto in forma di lettera, sono due, una nell’altra, che riporta vicende in parte reali, ispirate alla vita dei miei nonni materni, in parte inventate o immaginate.
Sono state vite segnate e dalla prima e dalla seconda guerra mondiale, viste oggi, quando cio gli "ideali" propagandati allora sono morti, deceduti tanto quanto tutte quelle vite andate al sacrificio o rimaste mutilate.

Distruzione ed ideali sono termini che non possono conciliarsi stabilmente: se avviene un inganno.
Riguardo mio padre, ho un legame forte e complesso con lui, come con mia madre.
Il tempo che avanza mi sta facendo tremare.

 Franca Colozzo - 22/03/2018 23:45:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Bellissima e struggente lettera, questa tua, di un figlio ad un padre mai conosciuto. La legger con calma, adesso l’ho letta in fretta, ma sento come un’ombra che ti aleggia addosso: quella di tuo padre. L’ho avvertito in una tua videopoesia che ho dimenticato di commentare per la fretta che ci avvolge lungo la nostra vita e ci lascia sfuggire momenti importanti da cogliere, per la superficialit che ci contorna e di cui ci fasciamo gli occhi. Ma in questa prosa - sar che mio padre vive sempre in me - sento che c’ qualcosa che va oltre una semplice lettera. La legger con calma perch di notte le cose fuggono via tra le ombre notturne e tra i fantasmi dei pensieri che ci portiamo appresso. Ti auguro una notte serena.