Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Loredana Savelli
terràgnola

Sei nella sezione Commenti
 

 Leonora Lusin - 03/06/2012 22:10:00 [ leggi altri commenti di Leonora Lusin » ]

Archetipica tuo malgrado,il legame con la terra, con il baricentro degli affetti, è fortissimo in tutta la tua poesia e anche nella tua arte di commentatrice: una poesia iniziatica che ti porta dritta alla forza che t’ispira.Bel titolo cara terragnola.

 Cristiana Fischer - 01/06/2012 07:09:00 [ leggi altri commenti di Cristiana Fischer » ]

Fra i titani, creature primigenie figlie della terra, c’era anche Temi, che conosce i tempi giusti.

 Giovanni Degli Esposti - 31/05/2012 17:55:00 [ leggi altri commenti di Giovanni Degli Esposti » ]

C’è nei tuoi versi un richiamo arcaico al ventre della Grande Madre, quella che le progenie degli uomini hanno sempre venerato come deità suprema. Non sapendo interpretare i segni di una natura molto spesso avversa (come oggi, qui da noi, "gente del terremoto"), trovavano nella "Terra" fatta Deità, il punto di riferimento per cercare una timida lettura della trascendenza e dell’inspiegabile. Ma la tua, Loredana, non è una "regressione" spirituale di tipo animistico, mi pare più, per contro, una elevazione... una ricerca di unità e simbiosi con tutto il creato. Tu stessa, creatura, cerchi nell’unione/osmosi con il creato, il "Verbo" sublime dell’Increato. Quindi non un ritorno "fetale" al grembo della Grande Madre bensì una simbiosi con lo spirito di ogni cosa (compreso il "brulichio dei vermi")... ti lasci attrarre e ti elevi: "Appiani le montagne".

 Loredana Savelli - 31/05/2012 14:42:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

A Luca. Grazie, vado ad ascoltarlo anche io.
Un abbraccio

 Luca Soldati - 31/05/2012 14:39:00 [ leggi altri commenti di Luca Soldati » ]

[...]
Azzurro in eterno resterà il firmamento, e la terra
Durerà a lungo per rifiorire sempre a primavera.
Ma tu, uomo, per quanto tempo vivrai?

[...]
O bellezza! O mondo ebbro di amore eterno, di eterna vita!
[...]

Dove vado? Io vado e m’incammino verso i monti.
A cercare pace per il mio cuore solitario.
Ritorno alla mia terra natale, la mia patria!
Non andrò più errando in paesi stranieri.
Tace il mio cuore e attende la sua ora!

La cara terra dappertutto
Fiorisce in primavera, di verde
Sempre si ricopre! Dappertutto e per sempre
Azzurro splende l’orizzonte!
Per sempre... per sempre ...

[Il canto della terra]

Ti chiedo scusa Loredana, ma nel copia incolla mi sono perso la traduzione e la chiosa :-). La tua bellissima poesia mi ha fatto tornare alla mente "il canto della terra" di mahleriana memoria che, sull’onda dei tuoi versi, sto riascoltando mentre scrivo queste righe.

Rinnovo l’abbraccio

 Carla de Falco - 31/05/2012 13:49:00 [ leggi altri commenti di Carla de Falco » ]

BELLA.
SIAMO FIGLI DI UNA MADRE IL CUI VENTRE E’ IN CONTINUO FERMENTO.
CIAO, LOREDANA.

 Loredana Savelli - 31/05/2012 13:35:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Grazie, è un pensiero "minimo", di certo scaturito dalla "terrestrità" di questi giorni.

A Luca: il tedesco purtroppo no, nonostante nei miei geni forse qualcosa di nordico ci ci sia. Non lo comprendo. Ma grazie a te.

A Cristina. Hai ragione, in questi giorni più che mai dobbiamo rivolgerci con cautela alla Madre terra! (p.s. ieri volevo dire collaboratore scolastico, non ATA. Preferisco i bidelli, di solito risolvono problemi tecnici).

a Cristiana. Titanica? Forse più di quanto creda. Comunque appartengo a un segno d’Aria.

A Luciana. Grazie per la tua gentilezza. Sì, le terragnole allodole. Non hanno delle ali particolarmente ampie e devono essere anche un po’ miopi...


 Luca Soldati - 31/05/2012 11:18:00 [ leggi altri commenti di Luca Soldati » ]

[...]
Das Firmament blaut ewig und die Erde
Wird lange [fest stehen und aufblühn im Lenz.]7
Du aber, Mensch, wie lang lebst denn du?

[...]
O Schönheit! O ewigen Liebens - Lebenstrunkne Welt!
[...]

Wohin ich geh? Ich geh, ich wandre in die Berge.
Ich suche Ruhe für mein einsam Herz.
Ich wandle nach der Heimat, meiner Stätte.
Ich werde niemals in die Ferne schweifen.
Still ist mein Herz und harret seiner Stunde!

Die liebe Erde allüberall
Blüht auf im Lenz und grünt
Aufs neu! Allüberall und ewig
Blauen licht die Fernen!
Ewig... ewig...

[Das Lied von der Erde]


Davvero molto bella!
Ti abbraccio

 Cristiana Fischer - 31/05/2012 10:16:00 [ leggi altri commenti di Cristiana Fischer » ]

E’ la prima volta che leggo in te un tono "titanico"...

 cristina - 31/05/2012 09:46:00 [ leggi altri commenti di cristina » ]

Si Loredana ci si semte, ora piu’ che mai, creature della e d
i terra.Non e’ possibile essere altrimenti se non nei nostri pensieri che ci collegano al cielo. Tu qui ce lo fai sentire da vera e bella creatura della Terra. Buona giormata dall’ amica della bidella... :-)

 Luciana Riommi Baldaccini - 30/05/2012 23:26:00 [ leggi altri commenti di Luciana Riommi Baldaccini » ]

Come un’allodola sei attratta dalla terra, ma vi si nasconde un brulichio che spaventa e soprattutto quel nucleo di ferro con la sua furia incontenibile.
Riusciremo ad appianare le montagne?

Buonanotte Loredana.