Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Loredana Savelli
Interrogarsi sul senso giacché

Sei nella sezione Commenti
 

  Cristina Bizzarri - 20/04/2013 22:51:00 [ leggi altri commenti di Cristina Bizzarri » ]

Condivido appieno il commento di Ferdinando.


  Cristina Bizzarri - 20/04/2013 22:48:00 [ leggi altri commenti di Cristina Bizzarri » ]

Magnifica!



 Luciana Riommi Baldaccini - 20/04/2013 19:00:00 [ leggi altri commenti di Luciana Riommi Baldaccini » ]

Molto bella!

 Leonora Lusin - 20/04/2013 18:52:00 [ leggi altri commenti di Leonora Lusin » ]

Perfetta nella sua semplicità, davvero stai attraversano un periodo di vena felice. Un abbraccio.

 amina narimi - 20/04/2013 17:38:00 [ leggi altri commenti di amina narimi » ]

Stupenda Te Lui e l’ll Senso

 Ferdinando Battaglia - 20/04/2013 15:20:00 [ leggi altri commenti di Ferdinando Battaglia » ]


Ho ripreso il mio maldestro scrivere quando, grazie a Fiammetta, sentii parlare de "La Recherche", ma quello che più è prezioso per me e mi sorprende di questa esperienza, non sono i miei scarsi progressi, nemmeno la ricchezza che ricevo dalla conoscenza dei versi di veri poeti, ma sono le relazioni umane che sono nate, sorprendentemente nate perché in modo virtuale, senza conoscenza diretta; però che avverto altrettante vere di quelle più fisiche e reali. Ecco, Lory, sempre nel mio modo un po’ balbuziente di spiegarmi, che fa più appello all’intelligenza del lettore che non alla chiarezza dello scrivente, questa tua poesia mi dice questo: non ci conosciamo personalmente, ma con te come con altri (e qui è “inutile” citarne i nomi - mi concedo solo quello di Franca, una “preferenza” non anagrafica e comunque esclusiva di ogni comparazione, si rischia sempre di dimenticarne qualcuno) avverto che è nato un rapporto che prima non c’era, quasi una nuova cellula d’ambiente di tessuto nuovo, che in qualche modo ripara le tante fratture di questo nostro convivere collettivo oggi.
Ti chiedo scusa, così ai lettori, per questa mia incapacità di dire e di dire a te tutta la gratitudine della mia anima per questo tuo bellissimo dono in versi.
Buon pomeriggio