Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Loredana Savelli
Consuntivo

Sei nella sezione Commenti
 

 Luciana Riommi Baldaccini - 11/05/2013 23:15:00 [ leggi altri commenti di Luciana Riommi Baldaccini » ]

E non può che essere così come tu hai magistralmente indicato.

 Loredana Savelli - 11/05/2013 17:44:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Cari amici, siete molto cari. Voglio ringraziarvi, siete tutti molto acuti, seguirò il consiglio di Cristiana, anzi mi sembra già di seguirlo, e da parecchi anni, almeno da quando esiste questa scuola autogestita che è Larecherche. I desideri "im-potenti" a volte prendono altre strade, forse si adattano, trasformandosi. O forse non erano desideri autentici? Chissà?
Grazie a tutti.

 Cristina Bizzarri - 11/05/2013 13:43:00 [ leggi altri commenti di Cristina Bizzarri » ]

L’ho riletta con i commenti: d’accordissimo con Emilio, si sente anche sottotraccia la voce cristallina e "oltreterrena" della Dickinson , che guarda, e vede, oltre la scorza delle cose. Per me, una tra le tue "più" perfette, per immagini, associazioni, pensiero, ispirazione.

 Cristina Bizzarri - 11/05/2013 13:37:00 [ leggi altri commenti di Cristina Bizzarri » ]

... il tuo pensiero è poesia che scava, ma con delicatezza, anche se in profondità.
Ciao Loredana, è splendida, rientra nel capitolo della tua poetica tra le mura, tra i rumori e i bisbigli, dove tu dismetti una parte di te stessa per ritrovarti, fertile e fecondata - anche se il passaggio immagino sia a volte accidentato - in altra te, in altro tipo di passione e com-passione.

 Cristiana Fischer - 11/05/2013 12:18:00 [ leggi altri commenti di Cristiana Fischer » ]

Mi sembra che la poesia si situi tra questi due estremi: "Il sogno è rimasto im-potenza", il sogno tuo "L’oggetto del desiderio/resta chiuso nel suo riserbo altero" mentre "la forma", la realtà cui hai dato luogo "i corpi centrifughi", ecco quella "forma si è dispiegata".
Che è destino comune per le madri, ma c’è una soluzione: entrare di più in quel desiderio altero, comprendere le forze centrifughe in una visone e potere creativo ancora più grande.
Se ho sbagliato, chiedo perdono.

 Amina Narimi - 11/05/2013 01:03:00 [ leggi altri commenti di Amina Narimi » ]

"Sono un sogno che non si è sognato": bellissimo
e stupenda tensione emozionale tutta Tua poesia tra le mie braccia vissute sognando "quel" rumore
Serena notte Loredana

 Loredana Savelli - 10/05/2013 22:59:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

a Emilio.
Sono lusingata dalla tua attenzione e profondità. E ti ringrazio perché fai chiarezza.
Sono due momenti diversi che in un secondo tempo ho messo in relazione, due fasi di vita, due nature.

 Emilio Capaccio - 10/05/2013 22:41:00 [ leggi altri commenti di Emilio Capaccio » ]

La prima volta che l’ho letta mi è sembrata una bellissima poesia alla maniera di Emily Dickinson: di un candore e di romanticismo struggente ottocentesco e ho perfino immaginato l’uso di un plurale maiestatis nella seconda parte con il quale ti saresti rivolta alla persona amata, appellandola col "Voi", che scemo!...poi l’ho riletta e credo di aver capito la chiave di lettura, che se non sbaglio ricorre a volte nelle tue poesie: tensione a volgere, da una parte, verso quella naturale propensione alle aspirazione e ai propri sogni (come il grano volge le spighe sempre nella medesima direzione del sole)e dall’altra a restare piantati dove si è, afferrati per le gambe da un altro sentimento ineguagliabile: l’amore; amore inteso nel senso più nobile e totalizzante: amore per i figli, capacità di deviare da quella "naturale direzione" che credevi il tuo ovvio compimento e conoscere un altro incredibile, grandioso senso di "pienezza": essere madre, donatrice di vita e di insegnamento.
E questa interpretazione mi pare attinente anche alle altre 2 poesie che hai pubblicato.
Come sempre ti chiedo scusa se ho preso fischi per fiaschi, le tue parole, però, mi inducono a interpretarti come sopra detto.

Un bacio Loredana.

 Loredana Savelli - 10/05/2013 22:08:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

a Nando.
Esatto!
Buona serata e grazie.

 Nando - 10/05/2013 21:49:00 [ leggi altri commenti di Nando » ]

)Così mi sembrerebbe di leggerla...)
Tremenda e potente, confessione di una maternità donatasi.

Ciao Lory