Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo proposto da Loredana Savelli
A proposito della poesia

Sei nella sezione Commenti
 

 Loredana Savelli - 11/05/2013 23:18:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Cari amici, quanto siete profondi!!
A me aveva colpito la conclusione un po’ paradossale detta da un poeta: la poesia è meglio goderla da lettori, perché in qualche modo se ne fruisce più liberamente, non per obbedienza ad una piccola/grande ossessione.
Poeta che non conoscevo, mi pare una voce fresca e "laterale".

Ciao, un caro saluto a tutti.

 Luciana Riommi Baldaccini - 11/05/2013 23:02:00 [ leggi altri commenti di Luciana Riommi Baldaccini » ]

Un po’ vorrei associarmi a Maria. Forse si parla troppo di poesia, forse di "poesia" ci si riempie la bocca, e la testa, dico io, a volte con effetti nefasti di inflazione. Però intanto la prima affermazione: la poesia è storiografia delle verità imprescindibili dell’uomo. E quali sono le "verità imprescindibili"? E poi, siamo certi che la poesia ristabilisca un equilibrio? Non è capace piuttosto, come ogni espressione artistica, di spezzare gli equilibri consolidati, e attingendo alla funzione più intuitiva della nostra mente percepire qualcosa delle pieghe nascoste della cosiddetta realtà e, secondo me involontariamente, anticipare comprensioni che la "ragione" raggiungerà solo più tardi ? E non è forse per questo che alla poesia si preferisce, almeno nella nostra cultura, la narrativa di evasione, che non mette in crisi, non dà da pensare, ma semplicemente ritrae l’esistente e pure con qualche compiacimento?
Sicuramente per fare questo il "poeta" (l’uomo creativo in genere) deve tollerare e contenere dentro di sé una tensione tra istanze contrapposte, perché anche lui appartiene a questo mondo mentre per certi versi ne è fuori, perché è il suo Io ad avere le capacità rappresentative, ma il contenuto da rappresentare è una combinazione, spesso sofferta, di componenti coscienti e inconsce... tuttavia proprio per questo... è in una condizione più vitale e completa rispetto alla rassicurante identificazione con un soggetto pacificato che abbia del mondo e di se stesso una percezione letterale e superficiale. Ora, con la lampada di Diogene, partiamo pure alla ricerca del "poeta" !! ;-)

 Loredana Savelli - 11/05/2013 17:50:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

a Maria.
L’autore di questo scritto è un poeta, che trovo simpatico e acuto. L’ho scoperto stamattina, vedi, se vuoi, questo link:

http://www.filidaquilone.it/num030milic.html.

Ciao!!

 Emilio Capaccio - 11/05/2013 15:41:00 [ leggi altri commenti di Emilio Capaccio » ]

Io, invece, credo, cara Loredana, che scrivere sulla poesia, trovare un linguaggio creativo per promulgare idoneamente le sue misteriosi ragioni di esistenza mediante una definizione più o meno lunga, senza precipitare in una banalità sconcertante , sempre in agguata e miserevole, o in una difficoltà di comprensione, sia una delle cose più difficili che si possa fare, difficile quanto fare della "autentica", preziosa poesia.
Quello che dice questo medico, poeta, sloveno, sulla poesia è pienamente condivisibile, oltre che essere strepitosamente originale e vero, per cui ti ringrazio per la proposta e per questo arricchimento che non ha prezzo, né si consegue pagando un prezzo, se non con il piacere, immenso, inestimabile della tua amicizia.

Un bacio, mia dolce.

 Maria Musik - 11/05/2013 13:36:00 [ leggi altri commenti di Maria Musik » ]

Sai, Loredana, ultimamente e sempre più spesso, mi capita di leggere "scritti sulla poesia" e, magari, condividerli ma, subito dopo, sento tutta la stanchezza dello scrivere e leggere sulla poesia. Sono un po’ satura del continuo parlarne... preferisco leggerla (e, temerariamente quanto impropriamente, scriverla) e lasciare che si palesi da sola la sua potenza.

  Cristina Bizzarri - 11/05/2013 09:21:00 [ leggi altri commenti di Cristina Bizzarri » ]

Loredana, anche questa definizione della poesia mi sembra sottolinei - come lo he fatto De Luca in maniera secondo me ancora più incisiva e poetica - il ruolo del
poeta in quanto medium, portatore di messaggi che gli passano attraverso, e lui non può fare altro che trametterli, testimoniare la "notizia", trasportarla sul fiume (o mare) del suo sentire rendendola conosciuta al mondo. E questo spesso con fatica e duro lavoro, ecco perché mi sembrano vere le due cose, cioè che la poesia non esprime l’individualità, e che il poeta non è colui che maggiormente gusta e assapora il frutto della poesia. (anche se, dopo il travaglio, lo può fare!).
Ciao e grazie di questi spunti di riflessione.