Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Scarica gratuitamente LaRivista n. 4/2016, Anno IV, Aa. Vv. (pdf)
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - III edizione (2017)
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Redazione LaRecherche.it
Gianfranco Martana

Sei nella sezione Commenti
 

 Gianfranco Martana - 27/04/2015 12:45:00 [ leggi altri commenti di Gianfranco Martana » ]

Franca, ti ringrazio per il tuo commento.
Ho sempre detestato i piedistalli, tanto più quando non ce ne sono nemmeno i presupposti, come nel mio caso.
Grazie anche per avermi definito "giovane", ma purtroppo non lo sono più da tempo. Ragione in più, però, per affrettarmi a fare qualcosa di buono :)
Quanto alla poesia, in sostanza ho detto anch’io che a un certo punto non riuscivo più a pensarla. Se ti riferisci a Parise, mi pare che il suo riferimento a una poesia "agente" nasca da motivi di sintesi retorica (prosopopea), ma non vedo una grossa contraddizione: dire che essa "va e viene, vive e muore quando vuole lei" non significa necessariamente che non si è provato a pensarla, a cercarla. Solo che ci si è resi conto che, nonostante gli sforzi, non arriva più sulla pagina. Io, almeno, la interpreto così: non ho mai creduto al poeta-oracolo che si fa portavoce di una divinità. Se invece Parise intendeva questo, lo rinnego immediatamente!

 Franca Alaimo - 27/04/2015 01:45:00 [ leggi altri commenti di Franca Alaimo » ]

Le risposte di Gianfranco sono sincere; e per me è la cosa che più conta. Nessuna aureola di sacralità, nessuna pretesa di vivere su un piedistallo; ma certamente una grande voglia di raccontare il mondo secondo il proprio punto di vista ed una sana ambizione.
I suoi modelli sono più che buoni; la sua disponibilità ad una critica costruttiva lodevole. E’ un autore giovane a cui auguro un cammino lungo ed importante. Per quanto riguarda la poesia, dissento: non è lei che non viene più; è l’autore che non riesce più a pensarla. Tutto dipende sempre da noi, da quello che diventiamo.
La poesia ha un passo, la prosa un altro; e questo passo corrisponde ad un ritmo del pensiero.
Complimenti allora vivissimi a Gianfranco ed alla sua scrittura.

 Gianfranco Martana - 26/04/2015 20:54:00 [ leggi altri commenti di Gianfranco Martana » ]

Grazie Asso, Loredana e Nicola per i vostri commenti. Nicola, per quanto mi riguarda direi senz’altro mezzofondista, anche per limiti fisici! A presto, G.

 Nicola Romano - 26/04/2015 20:09:00 [ leggi altri commenti di Nicola Romano » ]

Gianfranco, nelle tue risposte trovo molta consonanza con quelle mie, che leggerai fra una settimana. Ciò vuol dire che, pur essendo diverso il registro della comunicazione tra prosa e poesia, i pretesti e le modalità della scrittura hanno le stesse scaturigini, ammesso che si possano individuare a livello razionale. Il poeta è uno sprinter che deve concludere entro i 100 o 200 metri, mentre il prosatore è un mezzofondista (o un maratoneta) che deve gestire di più...il fiato. Comunque sia, complimenti per le tue disamine e che dirti se non "ad maiora"?

 Loredana Savelli - 26/04/2015 18:51:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Molto interessante. Lontanissimo dalla banalità e con i piedi ben per terra.

 Gianfranco Martana - 26/04/2015 14:47:00 [ leggi altri commenti di Gianfranco Martana » ]

Grazie a voi per la bella opportunità.

 asso - 26/04/2015 08:40:00 [ leggi altri commenti di asso » ]

Bellissima intervista, me ne sono nutrita.