Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo proposto da Redazione LaRecherche.it
La scimmia

Sei nella sezione Commenti
 

 francesca musmarra - 06/05/2018 20:00:00 [ leggi altri commenti di francesca musmarra » ]

Racconto piacevole all’insegna del particolare. Descrizioni mai banali, che stimolano la curiosità del lettore che si accinge ad arrivare al lieto fine. Il tutto arricchito dal contorno della tradizione napoletana, che non guasta mai.

 Antonio Terracciano - 13/04/2018 14:29:00 [ leggi altri commenti di Antonio Terracciano » ]

E’ un racconto che ho davvero gustato, ben meritevole del premio che ha avuto. Sono anch’io della zona di Napoli, e credo che si possa parlare di quella città in vari modi: idilliaco (alla Di Giacomo, diciamo) , critico (alla Ortese, ad esempio) , o comico (come De Crescenzo) . Il primo modo rischia di occultarne i lati negativi, il secondo di tacere dei lati positivi, mentre il terzo, adottato dal Catalano, non corre né un rischio né l’altro, perché il suo scopo principale è quello di far (sor) ridere, e poi ogni lettore si fa una sua idea della città. Non credo che tutto sia accaduto proprio come l’autore ce lo racconta, ma penso che egli abbia scritto volutamente una storia esagerata, rabelaisiana diciamo, per catturare e mantenere giustamente l’attenzione del lettore, che i racconti un po’ lunghi e senza nessuna trovata particolare rischierebbero di fargli perdere (soprattutto quando sono via web) .
P . S . E’ da tantissimo tempo che non mangio la "deliziosa" : questo racconto mi ha proustianamente fatto tornare in bocca il suo sapore (è in effetti la pasta meno attraente, la "brutta zitella" che tutti cercano di evitare... )