Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Leggi il bando di concorso | Raccolta Fondi
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Redazione LaRecherche.it
Carla de Falco

Sei nella sezione Commenti
 

 Carla de Falco - 09/10/2014 16:45:00 [ leggi altri commenti di Carla de Falco » ]

Franca! Ti leggo solo ora... Un anno (e una figlia) dopo. Mi va. Ti scrivo in privato.

 Franca Alaimo - 13/09/2013 11:51:00 [ leggi altri commenti di Franca Alaimo » ]

Avevo letto, di recente, tutte le poesie che Carla ha pubblicato su La recherche e questa visione d’insieme mi aveva aiutato a conoscerla meglio: è una poesia compatta, abbastanza omogenea nei suoi temi e modi espressivi, attraverso la quale si celebrano le emozioni personali, la solitudine, la grazia tormentosa della poesia. Ho notato anche un uso personalissimo ed espressivo della punteggiatura e degli spazi sulla pagina, la ripetitività di certe scelte lessicali.
Adesso, leggendo questa intervista, il ritratto dell’autrice, così come l’avevo tracciato nella mia mente attraverso i versi, viene confermato ed ampliato: passionalità mediterranea, saldezza di vocazione, ricerca e oscillazione intellettuale-umorale.
L’intervista mi piace anche per la sua sincera chiarezza e per quella percezione di un’esclusione che diventa, però, anche motivo di libertà interiore.
Richiesta: potresti farmi sapere, Carla, la tua e-mail privata? la mia è : franca.alaimo@tin.it. Grazie...ma solo se ti va.

 Carla de Falco - 12/05/2013 18:49:00 [ leggi altri commenti di Carla de Falco » ]

Alla gentilezza sapiente di Loredana, Linda e Nando, un doveroso ringraziamento.

 Costanza Lindi - 12/05/2013 18:39:00 [ leggi altri commenti di Costanza Lindi » ]

Un’intervista interessante e stimolante per ogni scrittore / lettore che si avvicina ad un mondo meraviglioso come quello della carta stampata. Suggestive le domande e sempre eleganti e riflessive le risposte della poetessa, che si fa quasi emblema di una comunità di autori, esordienti o comunque "in transito", che vivono la scrittura come una necessità, e che, a prescindere da pubblico, lettori, interviste o commenti, sono certi che continueranno a scrivere, qualsiasi cosa accada. Consiglio a tutti la raccolta "Il soffio delle radici" che ho apprezzato ed analizzato da vicino, divorandola e digerendola come sono solita fare con qualsiasi libro risvegli in me qualcosa di assopito.

 Ferdinando Battaglia - 12/05/2013 15:39:00 [ leggi altri commenti di Ferdinando Battaglia » ]

Doveroso ringraziare la Redazione (Maria) per questa intervista, sono sempre contributi preziosi e arricchenti, e Carla De Falco perché condivide con noi tratti del suo cammino autorale, a lei e al suo libro l’augurio di una fecondità letteraria.

 Loredana Savelli - 10/05/2013 07:26:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Bella intervista ad una poetessa mordente e tenace, autentica voce dei nostri tempi, disincantata e obiettiva.
Ho molto apprezzato il parallelo che Carla de Falco stabilisce tra poesia e didattica. Dice: “entrambe non scoprono nulla, ma aiutano a rivelare il segreto che è potenzialmente in ognuno.” Aggiunge dopo, citando Bukowski: “Non tutti siamo nati poeti e nessuna speranza abbiamo di diventarlo se dello scrivere ci manca un bisogno nervoso, sanguigno, morboso, ossessivo.” Carla interpreta, direi con professionalità, questo bisogno, alimentandolo con scrupolo e non tralasciando un sano realismo, quando afferma l’inutilità della poesia e la non centralità del poeta.
Dall’intervista emerge una certa fierezza, meridionale e femminile, non a caso la poetessa rimarca più volte queste sue appartenenze. Fiera anche io di esserle amica, di poterla seguire nel suo transito veloce che tuttavia lascia solchi e brucia.
Consiglio vivamente il suo libro, un soffio di urla sussurrate.