Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Marco G. Maggi
Gott mit uns

Sei nella sezione Commenti
 

 Marco G. Maggi - 22/05/2019 11:16:00 [ leggi altri commenti di Marco G. Maggi » ]

Grazie Gil, un commento che dà valore alle mie umili parole, e che condivido pienamente...

 Gil - 21/05/2019 08:20:00 [ leggi altri commenti di Gil » ]

Il lavoro delle forme può mutare l’esito finale di un’opera d’arte, ma la sua essenza rimarrà inafferrabile; trascende lo strumento la musica, trascende strumento e note l’esecuzione
. Opportuno è stata la pubblicazione di questo testo nel suo alveo naturale: la Poesia, poiché urge il tempo dei poeti questo tempo di barbarie che ha dinenticato che cosa sia dell’umano la Poesia. Fu profeta il "Dosto": la Bellezza salverà il mondo" (anche quello della politica) E non fu "idiota" chi lo disse...

 Marco G. Maggi - 20/05/2019 19:24:00 [ leggi altri commenti di Marco G. Maggi » ]

Cristina, che piacere rileggerti, anche se solo in un commento-monosillabo.
Antonio, forse chiamare questo testo “poesia” è un po’ pretenzioso e avrei fatto meglio a pubblicarlo tra i “pensieri”, perché di questo si tratta: un pensiero, ad alta voce, in versi, che ho voluto condividere qui su La Recherche.
Grazie della vostra lettura e grazie, Antonio, per il tuo commento. A presto

 Antonio Terracciano - 20/05/2019 18:43:00 [ leggi altri commenti di Antonio Terracciano » ]

Si può anche non essere completamente d’accordo sul bersaglio politico di questa poesia, si può anche ricordare che qualche Dio prima o poi lo tirano fuori in tanti (non solo i nazisti, ma ad esempio anche i democraticissimi americani, che continuano a stampare "In God we trust" sui loro amatissimi dollari) , ma il modo in cui essa è scritta riconcilia (dopo tanti lavori astrusi, dei quali non riesce a venire a capo) il lettore comune con l’arte poetica. Direi che qui è presente la chiara essenzialità del miglior Montale (che secondo me fu l’ultimo, quello di "Satura" ) : manca, forse, soltanto un po’ della sua ironia (che non guasta mai, soprattutto quando si ha a che fare con argomenti che riguardano da vicino la storia) .

 cristina bizzarri - 20/05/2019 12:30:00 [ leggi altri commenti di cristina bizzarri » ]


 cristina bizzarri - 20/05/2019 12:30:00 [ leggi altri commenti di cristina bizzarri » ]