Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Quin
Interrogativi

Sei nella sezione Commenti
 

 Giovanni Rossato - 14/03/2019 06:31:00 [ leggi altri commenti di Giovanni Rossato » ]

Qualcuno sostiene che la vita sia un mistero, per me è solo un algoritmo troppo complesso ma le conseguenze son le stesse, non se ne da a capo.
Grazie per i tuoi versi.

 Quin - 11/03/2019 20:54:00 [ leggi altri commenti di Quin » ]

Grazie Antonio della tua poesia a commento o integrazione (e perdonami la rima del tutto involontaria) - direi, vista la collocazione - della mia.

 Antonio Terracciano - 11/03/2019 20:04:00 [ leggi altri commenti di Antonio Terracciano » ]

E’ vita un incidente, un accidente,
e noi accidentalmente ci muoviamo
fra quei due estremi appartenenti al niente:
da uno veniamo e verso l’altro andiamo.

Qualche visione ben stupefacente
talvolta, di sfuggita, par che abbiamo,
ma siamo immersi più frequentemente
in monotona noia, e non l’amiamo.

Il lontano big bang che tutto il mondo
generò, un dì produsse pure noi,
dopo animali e pesci del sì fondo

mar che tutto bagnava, anche se poi
un desio d’infinito assai profondo
inorgoglì un po’ troppo i figli suoi.