Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Avviso importante riguardo ai commenti
Proust N.7 - Il profumo del tempo (scarica/leggi)
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Silvia De Angelis
Tace

Sei nella sezione Commenti
 

 Ferdinando Battaglia - 11/01/2017 06:36:00 [ leggi altri commenti di Ferdinando Battaglia » ]

Dominante della tua poetica, torna l’immaginazione - il sogno -, "cavaliere errante" che libera la realtà imprigionata nell’"ultima parola", riscattandola e restituendola alla libertà di essere sé indefinita o ridefinibile; se nell’infanzia è la fantasia, nell’età della ragione è la "profezia dell’amore ad aprirsi qual via.

Ciao, Silvia, buona giornata.

 Alberto Becca - 10/01/2017 07:01:00 [ leggi altri commenti di Alberto Becca » ]

Trovo il testo estremamente suggestivo e interessante per il contrasto (che si evince da tuta la lirica) fra silenzio e rumore: il deserto è per antonomasia luogo di silenzio, solo echi lontani si stendono sulle dune.. ma vi è dell’ altro: i rumori esterni sono posti in contrasto con il rumore che viene dall’ interno (di noi stessi), dal cuore, dall’ anima.. a volte questi suoni / rumori / parole emergono prepotentemente e non sono contenibili, vagano nella mente tentando di uscire all’esterno.. Quindi per ogni giaciglio che tace ve ne è un altro che parla (o vorrebbe parlare) anche se spesso cio’ risulta impossibile...