Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Roberto Maggiani
I Resti lo Splendore

Sei nella sezione Commenti
 

 Ilde C. - 06/04/2009 20:01:00 [ leggi altri commenti di Ilde C. » ]

Condivido quello che scrive il recensore,il libro non è facilmente inquadrabile, non ha niente di scontato. Vorrei dire qualcosa sui brani in prosa più brevi, che mi sono apparsi veri e propri poemetti. Bellissimo quello che apre la raccolta, quello sulla scrittrice della "mano sinistra", Chi e Luoghi. Quest’ultimo intenso, intimo, terribile.

 Basilio Romano - 26/03/2009 18:27:00 [ leggi altri commenti di Basilio Romano » ]

Questa recensione, come è caratteristica di Maggiani, ha il pregio di farmi venire l’appetito di lettura del testo.

 Giovanni Rito - 26/03/2009 18:02:00 [ leggi altri commenti di Giovanni Rito » ]

Non riuscivo ad aprire il libro (passato da un’amica) perché intimidito dal titolo. Il pezzo omonimo mi sembra bellissimo, appassionato anche quando francamente debitore del saggismo novecentesco. Imprevedibile, dirompente l’inserto su Kafka (ma non era già stato scritto tutto?)

 Laki - 23/03/2009 19:26:00 [ leggi altri commenti di Laki » ]

Mi dispiace che il libro non sia distribuito. Mi dispiace che sia poco compreso. Leggo, e mi ritrovo lungo una scala di luce e ombra. Scendo e salgo..... Conosco l’autrice e non sapevo che scrivesse queste cose. non ne parla mai.

 Liza - 23/03/2009 14:22:00 [ leggi altri commenti di Liza » ]

Approfitto di un computer messo a disposizione per dire che il libro è bello, bellissimo, e non mi sono arresa quando non capivo. La comprensione è globale. Quello che non si capisce in un contesto, diventa rivelativo in un altro. Non è un libro di “poesie e prose”, è tutto poesia, anche nei saggi (specialmente quando parla di come nasce la poesia).

 Antonio Marrano - 23/03/2009 14:20:00 [ leggi altri commenti di Antonio Marrano » ]

La recensione mi sembra colpisca nel segno quando rimanda alla compattezza del libro, all’intima corrispondenza fra un testo e l’altro. Mi sembra però non valorizzi abbastanza il flusso poematico e il tema della fine epocale. Si vedano i testi “scrivo da una lingua morta”, “Luce a pioggia di sotto in su”, la poesia sul mondo della religiosa fatica contadina, il pezzo sui “resti di Sion” e soprattutto la bellissima “Pietra sonora appesa”.

 Insel Marty - 17/03/2009 20:35:00 [ leggi altri commenti di Insel Marty » ]

Sono Insel e ringrazio. Ringrazio dell’attenzione, dello spazio, dell’invito a leggere. Intervengo solo per dire che non sono affatto “filosofa”, come si vede dal faccia-a-faccia con Socrate, che è un incontro-scontro su “come si fa musica”, e dal fatto che, se anche c’è un cosiddetto pensiero nei due saggi della raccolta, è un filo teso sulla consapevolezza delle passioni, degli attaccamenti e dell’ignoranza. Come scrivo a pag. 43, quell’esile filo di pensiero, l’unico che mi concedo nel digiuno di doxa che ritengo salutare, mi appare oggi abbastanza debitore del tempo che ho vissuto, succedaneo ed epigono. Anche rispetto a Socrate non ho pensato alcunché di diverso dai miei contemporanei. E’ risaputo, il non-discorso del corpo ha sovvertito radicalmente il discorso della ragione occidentale.
Certo, lasciarsi scrivere dalle parole (confronta pag. 29: la poesia scrive, il poeta è scritto) non equivale né a un atto pulsionale né ad un automatismo spiritistico. Cito, dal precedente due fuochi (Gazebo 2003): “Con la testa nelle nuvole. Fra le particelle ultraleggere dell’energia concentrata. Il nonsapere del poeta è raggiunto attraverso la padronanza e il potenziamento di ogni microsuono. Cellule, atomi, particelle subatomiche ruotano vorticosamente verso la luce di una parola. Il poeta è una nuvola che non sa di esserlo, o non lo sa più, mentre continua a percepirlo e lo percepisce sempre di più, perché prima inconsciamente poi con l’energia cinetica della mente ha nutrito e coltivato quel campo invisibile che prende forma all’altissima velocità dell’intuizione musico-sillabica.” (pag. 22)


Insel Marty

 giuliano - 09/03/2009 10:33:00 [ leggi altri commenti di giuliano » ]

Un libro davvero molto bello, con punte di sublime; il brano iniziale sulla sedia,citato nella recensione, spiazza e lascia senza fiato per la sua bellezza. In alcuni tratti l’opera appare un pochino ermetica, ma la pazienza e la grande concentrazione che richiede vengono ricompensate ampiamente.

 Daniele Incami - 03/03/2009 21:22:00 [ leggi altri commenti di Daniele Incami » ]

Sembra un libro interessante. Filosofia e poesia: secondo me dalla poesia può esplicitarsi un sistema filosofico in modo naturale, ma dalla filosofia non è banale riuscire a estrapolare poesia!