Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Roberto Maggiani
Il sospetto e la lusinga

Sei nella sezione Commenti
 

 Lucia C. - 23/04/2009 20:38:00 [ leggi altri commenti di Lucia C. » ]

Come una madre sulla porta di casa / coprirei di premure il mio prigioniero, / incautamente trascinando via l’anima / dal suo posto tranquillo

questi versi mi hanno colpita

 Daniele Incami - 19/04/2009 18:14:00 [ leggi altri commenti di Daniele Incami » ]

A me piacciono molto questi versi: "Non è la notte che mette buio nelle case. // Sono le porte / quando si chiudono forte / alla nostra richiesta di entrare."

 Roberto Maggiani - 19/04/2009 18:07:00 [ leggi altri commenti di Roberto Maggiani » ]

In realtà l’annullamento è una capacità positiva, caratteristica cristiana, specificatamente paolina, infatti San Paolo afferma senza indugio: "Pur essendo libero da tutti, mi sono fatto servo di tutti per guadagnarne il maggior numero… Mi sono fatto debole con i deboli, per guadagnare i deboli; mi sono fatto tutto a tutti, per salvare ad ogni costo qualcuno...", (1 Cor. 9,19.22-23). Penso che in modo particolare, e come sua specificità, la donna sappia esercitare questo annullamento positivo che è accoglienza piena dell’altro, amore.

 Maria Musik - 19/04/2009 09:14:00 [ leggi altri commenti di Maria Musik » ]

La recensione mi attrae e mi respinge al contempo.
"Correlata alla sua particolare propensione all’accoglienza vi è il suo saper patire per amore, che equivale al saper molto amare, e quindi, a mio avviso, di nuovo, la capacità di essere madre, ruolo che la donna sa vivere in modo completo, anche senza avere necessariamente vissuto la gravidanza fisica, amando fino a trasformarsi in qualcosa d’altro, cedendo la propria parte di vita al soggetto d’amore e collocandosi nel giusto ruolo, onde arrivare a vivere da un punto di vista privilegiato le trame della commedia umana:..." Tutto vero ma è tutt’altro che un punto di vista previlegiato. E’ un’atroce condanna a trasformarsi in qualcosa d’altro per amore.

 Basilio Romano - 18/04/2009 17:37:00 [ leggi altri commenti di Basilio Romano » ]

Mi colpisce l’accento femminile di questa recensione e la delicata rappresentazione della visione di una donna attraverso i suoi versi.