Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Roberto Maggiani
Paesaggi inospiti

Sei nella sezione Commenti
 

 Beatrice Minotta - 16/03/2010 09:45:00 [ leggi altri commenti di Beatrice Minotta » ]

Sono una studentessa di lettere dell’università di Bologna.
"Paesaggi Inospiti" fa parte del programma dell’esame di letteratura italiana contemporanea.
E’ molto bello e "nuovo" studiare un’opera talmente recente da non trascinare dietro a sé pagine e pagine di critica, è uno stimolo a farsi critici in prima persona, o almeno a provarci.
Quello che vorrei sottolineare brevemente in questa raccolta di poesie è l’impiego dei tempi verbali: il presente assoluto e l’imperfetto narrativo.
Il primo è protagonista della prima sezione eponima del libro ed è utilizzato a proposito di vegetali e animali, essi appartengono al "dopo-storia", sono scatti fotografici immodificabili, assoluti. La seconda parte, intitolata "Piano d’Erba", ( ma già gli ultimi componimenti della precedente) presenta invece un impiego maggiore dell’imperfetto, riservando il presente assoluto a qualche locusta che ancora spunta in un paesaggio divenuto umano. Questo tempo verbale evoca una dimensione memoriale: tanti fotogrammi legati uno all’altro che si richiamano anche a distanza di pagine, una memoria saltellante ma pacata, immortalata in un presente (quello dell’autore) non più possibile, ma solamente ri-attraversabile.
Centrato nel senso letterale del termine è il titolo della seconda sezione "Piano d’Erba", che richiama evidentemente il paese natale di Giampiero Neri e funge inoltre da soglia tra l’erba che "sta sotto" ("l’erba del sottobosco") e quella che "sta sopra" ("Cresce l’erba sulle rovine"), relativamente l’ultimo verso della prima parte di "Paesaggi inospiti" e il secondo di "Piano d’Erba".

 Basilio Romano - 26/05/2009 22:51:00 [ leggi altri commenti di Basilio Romano » ]

Trovo luci interessanti in questa recensione ma probabilmente saranno il riflesso di gemme preziose racchiuse nel libro.