Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo proposto da Roberto Maggiani
Il fantasma populista

Sei nella sezione Commenti
 

 Maria Musik - 24/02/2013 08:34:00 [ leggi altri commenti di Maria Musik » ]

Grazie di questa segnalazione. L’articolo contiene larga parte del mio pensiero sull’attuale stato del nostro Paese. Ho esposto le medesime riflessioni durante ai tanti confronti avuti in questi giorni ma non ero mai stata capace di dargli corpo e giustificazione in un modo tanto completo, organizzato e sostenuto da una, seppur sintetica, analisi storica e socio-culturale.

 Luciana Riommi Baldaccini - 23/02/2013 23:20:00 [ leggi altri commenti di Luciana Riommi Baldaccini » ]

Grazie della segnalazione Roberto. Avevo già incontrato in altre occasioni il pensiero di Recalcati su certi personaggi e sul clima dominante nella nostra realtà politica. Condivido la sua lettura e la sua preoccupazione per questa deriva populistica che cavalca la situazione di profonda crisi economica, sociale e culturale. Di quest’ultimo aspetto, quello culturale, non posso fare a meno, ancora una volta, di considerare responsabili i modelli offerti (e subdolamente imposti) da ben più di vent’anni di televisione commerciale e di berlusconismo.
Riprendo qui per un attimo lo scambio che abbiamo avuto su fb a proposito della disponibilità a farsi convincere. Ecco, io credo che sulle denunce espresse da Grillo ci sia ben poco da discutere, mentre molto c’è da dire sui metodi di comunicazione e sui mezzi (inesistenti al momento) per realizzare ciò che urla, infiammando coscienze troppo "deboli" per esercitare una qualche critica. Come nel caso delle promesse impossibili di B., che volutamente fanno leva sulla situazione di forte disagio della popolazione, e sbandierano una sorta di alleanza perversa contro lo stato vissuto come il nemico, in quanto portatore di leggi, limiti, sanzioni all’illegalità, in una parola depositario della possibilità di convivenza civile.