Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Roberto Maggiani
Sinfonia n. 42

Sei nella sezione Commenti
 

 leopoldo attolico - 23/06/2011 11:31:00 [ leggi altri commenti di leopoldo attolico » ]

Dai testi di Roberto emerge la radicalità - e la vitalità - di un disincanto perfettamente recepibile e condivisibile .
Non credere in nulla eppure lottare per qualcosa significa aver perso molte speranze , considerate ormai un alibi della nostra coscienza .
Sono scomparse le filosofie , ma , come sempre accade , la loro scomparsa dà posto a un tipo di filosofia stoico-epicurea che non crede in nulla , molto vicina al totale pessimismo , ma al contempo reattiva e antagonista .
Da ciò nasce una forma di dissociazione tra il credere in nulla e il fare qualcosa . E certamente Roberto continuerà a fare qualcosa senza credere in nulla e lo farà molto allegramente , perché l’essere privo di speranze , cioè l’essere privo del ricatto degli anni futuri , che è una cosa atroce , dà un grande sollievo .
Quando crolla una speranza è proprio il momento di rifletterci sopra come fa R. ; di capire per davvero che cosa è e che cosa la distingue da quella sua contraffazione che è l’inganno della promessa illusoria . In questo ambito R. si dichiara antisentimentale e reazionario eslege , dribblando sapientemente gli epicedi liberatori / recriminatori del "llanto" e dintorni ; puntando piuttosto sulla prospettiva ironica e autoironica del proprio sguardo sul mondo .

 Franca Alaimo - 17/06/2011 18:03:00 [ leggi altri commenti di Franca Alaimo » ]

Il mio apprezzamento va innanzitutto all’esattezza e alla competenza linguistica della poesia di Corsi ( che sfocia, spesso, in originalissime soluzioni inventive ) ed alla controllata misura dei versi che a volte "suonano" come mistioni e/o spezzature di ritmi tradizionali. Questo a maggiormente sottolineare il "rispetto" che Corsi nutre nei confronti dell’ars poetica, e l’uso dell’espressione è d’obblgo, perché questo libro è soprattutto un manifesto poetico sulle regole del poetare, che non siano quelle formali ( che,come ho detto prima,egli conosce bene, e che, fra l’altro, come presumo, non si sognerebbe di dare visto il suo sospetto per ogni cosa pre-confezionata ), ma quelle etiche, intendendo per quest’ultime gli obbligi inerenti al fare poesia, che s’intende sempre come impegno e e nemmeno poi ideologico in senso stretto, ( anche se questo c’è e molto marcato) ma piuttosto verso la propria verità e libertà di dire senza paura, infingimenti, falsa retorica. Una poesia, soprattutto, che non sia distorta dall’obiettivo del successo anche a costo di autotradirsi e perdere la dignità personale; anche se lui, Corsi, questo "successo", infine lo vorrebbe, ma che fosse solo un lascito di parole affidato alle generazioni successive, alla loro brama di vita e di senso; e non sancito da una chiusa cerchi di letterati e critici. Anche per questo Corsi si confeziona il libro da sè, liberandolo dagli ingranaggi dell’utile ricercato dalle case editrici, ed è contento di dire che, così, ha salvato anche la vita a qualche inncente ed utilissimo ( lui sì) albero.

 Roberto R. Corsi - 17/06/2011 12:07:00 [ leggi altri commenti di Roberto R. Corsi » ]

Grazie! Mi piace molto il termine "bassa intensità": rispecchia una certa bassa frequenza o se si vuole un’alta digeribilità. O no?
Vi aspetto sulla pagina... Roberto