Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
Una notte magica: Presentazione il 22 settembre 2019
alle ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Laura Turra
Quando gli anni si scordano

Sei nella sezione Commenti
 

 Laura Turra - 19/01/2019 17:54:00 [ leggi altri commenti di Laura Turra » ]

Lino, Klara, grazie del dono delle vostre letture, ne sono felice! Grazie per essere passati, per aver ascoltato e aver fatto vostre le parole. Un carissimo saluto a entrambi

 Klara Rubino - 19/01/2019 17:30:00 [ leggi altri commenti di Klara Rubino » ]

A me ha colpito molto questo passaggio :
" , quando non sapevamo
di noi adesso e io ero solo quella
che amava correre veloce,"

È quel "solo quella" citando la felicità del presente, mentre oggi le troppe riflessioni, oneri e aspettative ci confondono l’essenza, ci fanno perdere i confini o i riferimenti.
Innocenza è anche semplicità.
....comunque a lezione di prati pare proprio che tu ci sia stata!:-)

 Lino Bertolas - 19/01/2019 17:24:00 [ leggi altri commenti di Lino Bertolas » ]

Mi è piaciuta per quella nostalgia solare che prende valore dallo sguardo con cui guardiamo noi oggi il nostro passato. Un sentimento che accomuna molte persone anche se vissuto ognuno a modo proprio. Un caro saluto.

 Laura Turra - 18/01/2019 05:50:00 [ leggi altri commenti di Laura Turra » ]

Nando, avverto sempre nei tuoi commenti questa tua grande sensibilità per miei versi, per la Poesia, e ti sono davvero grata: sai vedere dentro e oltre.
I ricordi, spesso, sono sprazzi, giochi, piccole luci che si accendono improvvise nel presente. E per un istante rinfrescano la vita.
Ti abbraccio forte per la tua attenzione che non mi fai mai mancare.

 Ferdinando Battaglia - 17/01/2019 20:14:00 [ leggi altri commenti di Ferdinando Battaglia » ]

È interessante ad ogni propizia occasione notare la "vivacità" della Poesia, ciò conferma ancora una volta quanto essa ami eludere l’esclusivo suo possesso da parte della tecnica, ma ami la libertà dell’ispirazione che, come in questi versi della Turra, può condurre il poeta o la poetessa su strade compositive a lui o a lei inconsuete per stile, per immagini, per contenuti, insomma per tutto ciò che, in questo modo, sorprende il lettore a quegli affezionato. Così ci sorprendono le tematiche inconsuete per una poetessa che abbiamo imparato a conoscere e ad amare, non solo per la scrittura così pudica, essenziale, mai ripiegata sulle cose ma sempre trasfigurante le cose ovvero spesso la vita nelle sua multiformità, per quel suo sguardo volto sempre verso un altrove, anche quando l’ altrove fosse l’in sé; mentre qui il tema forte, reso più evidente da una "densità" di scrittura e l’uso inconsueto di enjambement, è un ritorno al ricordo non tanto come nostalgia, quanto come stigma di un passato che segna il presente (non è un tema insolito per la Turra, insolita è l’assenza, diversamente da come sempre l’abbiamo letta, di quello sguardo trasfigurante, anche del tempo andato, che trasla il "mai più sarà" in un orizzonte ovvero in un conferimento di senso); a mio miserrimo parere, lo scarto di stile, non qualitativo, anche se le predilezioni qui si potrebbero divaricare, viene pienamente recuperato dagli ultimi tre versi che, mi permetterei di dire, rientrano luminosamente in quella poetica della Turra, che tanto amiamo e ci ha resi suoi fedeli lettori.

Dev.mo Tuo

 Laura Turra - 17/01/2019 18:40:00 [ leggi altri commenti di Laura Turra » ]

Grazie sempre, Salvatore. I tuoi passaggi e le tue letture mi fanno sempre un grande piacere. Un carissimo saluto

 Salvatore Pizzo - 17/01/2019 18:27:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

D’un tocco sempre così delicato e gentile, da aprire il cuore pur con sogni ormai"bambini"...
Un salut’abbraccio