Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Salvatore Pizzo
Abisso mare

Sei nella sezione Commenti
 

 Salvatore Pizzo - 01/10/2018 03:28:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

X Elisabetta:
Benvenuta su questa umile pagina e grazie di cuore per l’apprezzamento assai lusinghiero...

 Elisabetta Cassone - 30/09/2018 17:35:00 [ leggi altri commenti di Elisabetta Cassone » ]

che bella poesia aulica!

 Salvatore Pizzo - 09/08/2018 16:57:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

Che splendide parole che mi regali, mia cara Annalisa! Una lettura che vorrei incorniciare, la tua, tanto è bella e partecipata, al punto da tangere persino l’anima di questi versi umili. E che tu nobiliti tantissimo, con le tue considerazioni così lusinghiere ed abissali perchè di grande ponderatezza...
Più che un grazie, un inchino sentito.

 Annalisa Scialpi - 08/08/2018 10:56:00 [ leggi altri commenti di Annalisa Scialpi » ]

L’ho letta d’un fiato e contrariamente alle tue
poesie, non ho dovuto rileggerla per ’berne’ il senso.

E poi mi sono detta, pensando all’ieri, pensando al fiume:
le sagome delle conchiglie mangiate dal vento, dal sale, erose, graffiate, scheletri del nervo del mare galleggianti... Non è forse tutto qui?

Non siamo forse solo tracce che "fibrillano tra spalanchi di nubi"? A che prò tanto pattume metafisico?

Gli occhi ’fumosi’ bisogna aprire.
Il sé, come dici tu con i tuoi versi da vertigine
è "svuotare abissalità con un recipiente fuori dal vaglio".

Ed è, questa, l’operazione alchemica che compi con i tuoi versi ’ruggenti’.

Un caro saluto


 Salvatore Pizzo - 08/08/2018 01:48:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

X Graced:
La poesia, come ogni attività mentale,ci chiede grandi riflessioni e considerazioni al riguardo, come volesse metterci sempre in guardia su cosa essa,in realtà, è o non è; in modo da non cadere nella trappola dell’ovvietà come pure della freddezza di una meccanica costruzione sterile...
Grazie anche per l’abbraccio,mia cara Grazia, che ricambio con grande afflato amicale e con l’augurio per una notte che possa esserti generosa d’incanti.

 Salvatore Pizzo - 08/08/2018 01:41:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

X Giovanni:
Grazie a te e di cuore, mio caro Giovanni, anche per questo tuo apprezzamento assai lusnghiero...
un augurio per una notte delle più serene...

 Salvatore Pizzo - 08/08/2018 01:39:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

X Franca:
Grazie di cuore per una lettura ch spazia ariosa, proprio come lo spaziare di uno sguardo poetico che mediti sull’ampiezza dell’orizzonte a mare...
A te un saluto refrigerante d’essenza di lavanda

 Graced - 07/08/2018 16:32:00 [ leggi altri commenti di Graced » ]

Il poeta esterna ciò che sente l’anima, scaturisce dal profondo tutto ciò che assimila, e, spesso, si ha quell’impulso di mollare tutto ciò che si sta facendo per esternare con i propri versi la sua interiorità trasmettendo i propri stati d’animo attraverso i propri versi come hai fatto tu in questa lirica. Bravo! Un grande abbraccio da Graced.

 Salvatore Pizzo - 07/08/2018 15:19:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

X Laura:
Grazie di cuore mia dolce Laura, anche per quell’abbraccio che mi è segno di stima ed apprezzamento assai lusinghieri.E che ricambio con egual stima ed amicalità vera e serena...
Ciao

 Salvatore Pizzo - 07/08/2018 15:04:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

X Rosa:
Sai che mi piacciono moltissimo queste tue parole, mia cara Rosa? Soprattutto quando al "bravissimo",sostituisci il ben più ambito"poeta".Perchè un "poeta"non si cura d’essere"bravissimo",bensì di setacciare l’orbe terracqueo che ha nella mente e che orbita intorno al cuore,per ritrovarci soprattutto se stesso,ovvero quelle particelle di umanità e bellezza da sviluppare, da fare crescere ed ampliare, fino a divenire universalità avvolgente e pervasiva...Megalomane?...eheheheh!!! E chi non lo è? A parte gli scherzi: terrò le tue bellissime e lusinghiere parole come incoraggiamento a proseguire nel setacciamento di spiagge e greti...
Grazie di cuore sull’onda di fragranze gelsominee

 Salvatore Pizzo - 07/08/2018 14:45:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

X Giulia:
No, non trovo le tue considerazioni"troppo personalizzate",mia cara Angela, dal momento che sono tue, quindi da lettrice che esercita la propria ratio. Di mio posso soltanto dirti che, oltre a quanto da te scritto e detto, ci aggiungerei anche quel maledetto senso di inadeguatezza che ci fa sentire come individui che abbiano la pretesa, conscia o meno, di svuotare il mare con il classico secchiello......
Grazie di cuore ed anche a te l’augurio per delle vacanze che possano esserti ricche di assolata gioia e rilassata bellezza...

 Giovanni Rossato - 07/08/2018 09:50:00 [ leggi altri commenti di Giovanni Rossato » ]

Onestà e passione sono la cifra della tua poesia, grazie Salvatore

 Franca Colozzo - 07/08/2018 09:18:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Poesia che si fa pensiero o meditazione ci avverte sulla necessità di esternare ciò che galleggia sul fondo della coscienza. Il poeta lo fa con i versi, il pittore con il pennello. Sono tecniche diverse, ma ciascuna reca in sé brandelli di vita sofferta tra squarci di azzurro, abissi marini e cieli infiniti.
Un caloroso saluto dall’afa già mattutina di quest’inizio di agosto. Buona giornata.

 Laura Turra - 06/08/2018 18:28:00 [ leggi altri commenti di Laura Turra » ]

Caro Salvatore, concordo con Rosa, queste parole sono poesia, pagliuzze dorate sul fondo del vaglio, frammenti d’azzurro tra squarci di nubi.
Un abbraccio

 Rosa Maria Cantatore - 06/08/2018 16:14:00 [ leggi altri commenti di Rosa Maria Cantatore » ]

ecco cos’è, per te, poesia, caro Salvatore...
... e lo dimostri, scrivendo versi stiupendi, nati dagli abissi del mare e da te.
Bravo.
Ma no, non bravo: poeta.

 Giulia Bellucci - 06/08/2018 11:06:00 [ leggi altri commenti di Giulia Bellucci » ]

Il bisogno di scrivere in versi è come un aspirare, senza però riuscire a realizzarlo, a portare a galla quelle emozioni, paragonabili per il poeta a delle abissalita, immagino perché rinchiuse nei meandri reconditi del proprio animo.Il poeta tra esse sceglie quelle più significative come si farebbe utilizzando un vaglio per filtrare l’acqua del mare.
Spero di non aver tratto delle considerazioni troppo personalizzate.
Buone vacanze, Salvatore.