LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Adielle
LÂ’ho scordato

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Esatto il chiostro si arrampica fin dove la montagna diverge dall'angolo

e diventa  flusso d'aria calda che si scontra con flusso d'aria fredda

chi l'avrà vinta?  tanto non vince mai nessuno a parte la valanga

che corre e copre tutto ma ogni tanto qualcuno si salva

e allora si fa festa coi cani

e le grappe al guinsaglio

noi restiamo nel chiostro

per imparare a pregare nel modo corretto

poi scendiamo a valle e ci buttiamo dietro tutto

seminiamo il panico delle nostre assenze da quel posto virtuale 

che ognuno porta con se e da cui attinge la definizione di giusto o sbagliato

noi latitiamo e in grandi gorghi dell'anima passiamo volentieri la mano

al prossimo miraggio di sabato soprattutto

c'è più gente in giro con cui potersi far del male

cerchiamo la riprovazione del capobranco

e la punizione verbalmente espressa di qualsiasi ceto sociale

per esempio siamo in guerra inesatta contro i persuasi che una colletta alimentare a Teramo

cancelli la fame del mondo almeno per un refolo orpellato di tempo accademico

non soffia gia più il vento della libertà è morta la rivolta

e noi arrembiamo i bar di conseguenza per render roca la voce a chi c' ascolta

digrignamo i denti ai tavoli più bui se ci bagna la luce cambiamo tavolo

o locale per rimanere nell'ombra

è sempre la stessa saetta che c'inganna e lecca le ferite

se vado troppo forte fermami

poi continuiamo a baciarci ancora un poco

tu con la schiena contro la vetrina che sfasceremo prima di andarcene

siete solo dei guru dei figli di puttana che non hanno il coraggio di vivere la vita

quanto vorrei prenderti a schiaffi ma ho poca voglia

di peggiorare l'immagine che hai di me

così rinuncio a portarti a letto e rientro nel gruppo 

che sta trattando con l'oste per una partita di vino 

niente lavoro portato dalla cicogna niente tentativo di famiglia

canonizzata da non so quale decreto ministeriale

mi brucia il cuore ma è paura del vuoto di fare mattino un'altra volta

non c'avevano mai dato dei guru 

parlava strano la ragazza eppure la sua lingua era docile allo scambio di saliva

finchè dura si va avanti anche senza una lira poi la vergogna del ritorno a casa

ognuno si arrangia a modo suo per mantenere i propri vizi

non saremo dispendiosi ancora per molto

sono le sei e l'alba non è più una sorpresa

tentiamo di non sentirci soli nonostante i brividi

è come un freddo che non si leva mai di torno

buon giorno ma quando mai lo è stato

forse quella volta che ero fidanzato avevo un lavoro

e parlavamo di sposarci io e lei

si ma non avevo troppa fretta

e la stagione non mi ha aspettato

fare i conti con quello che sei

era il mio proposito per l'anno nuovo

ma di nuovo non c'era niente

e l'ho scordato.

 

 

 Cristiana Fischer - 23/05/2013 19:37:00 [ leggi altri commenti di Cristiana Fischer » ]

ah be’, certo, certo...

 Adielle - 23/05/2013 19:13:00 [ leggi altri commenti di Adielle » ]

Cara Cristiana cogli nel segno, noi,alludo a quelli del mio branco,
abbiamo la tendenza ad essere recidivi; per costruire ci vogliono altre schiene altre braccia e al momento non le abbiamo.
un senso di sconfitta ci accompagna non va via nemmeno con una doccia
allora ci dedichiamo con alterne fortune ad una falsa bisboccia che ci
tiene alla larga dall’affrontare i problemi.
Ci comportiamo ancora come bambini per non ammettere a noi stessi che siamo già in ritardo sul prenderci le nostre responsabilità di adulti,
l’atmosfera è feroce perché siamo consapevoli ma immobili e possiamo diventare cattivi o più stupidi.

 Cristiana Fischer - 23/05/2013 14:09:00 [ leggi altri commenti di Cristiana Fischer » ]

"mi brucia il cuore ma è paura del vuoto di fare mattino un’altra volta" "poi la vergogna del ritorno a casa/ognuno si arrangia a modo suo per mantenere i propri vizi" senti, ma... da abruzzese immigrata a un abruzzese locale (almeno credo)... tirare fuori una vis construendi? sarà mica solo colpa della "punizione verbalmente espressa di qualsiasi ceto sociale" se "in grandi gorghi dell’anima" passate "volentieri la mano/al prossimo miraggio di sabato soprattutto/c’è più gente in giro con cui potersi far del male" e così via, così via...

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.