LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo proposto da Alfredo Rienzi
Notizie dal 72° parallelo: la conoscenza sul brivido

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

LA CONOSCENZA SUL BRIVIDO
Note su Notizie dal 72° parallelo di Alfredo Rienzi

di Dario Capello

 

Parola oscura e penetrante, questa di Alfredo Rienzi, parola che cerca la strada attraverso i gradi dell'ombra. E tuttavia invoca una luce che, per contrasto, riveli, come una visione. Quello dell'ombra è un cammino (uso con intenzione questo termine dantesco), un itinerario di conoscenza che intercetta e snida le mille maschere, ne rivela il carattere provvisorio, inautentico:
“...e ricordi le maschere che a caso / abbiamo scelto e posto innanzi al volto?”

 Ma avviene che i fantasmi del giorno siano più inquietanti dei fantasmi della notte, quando sorgono da un vuoto insondabile. E' quel genere di vuoto che Rienzi conosce per istinto, e che può coincidere col Vuoto su cui riposa il segreto del mondo, secondo l'indicazione taoista. Il poeta sa
anche che per evocare l'idea e la perfezione del vuoto non può che servirsi di un pieno di segni e parole. Di parole “che si nutrono di parole”.
Poeta colto, insaziato e visionario, Alfredo Rienzi. Per meglio dire, poeta anche e non solo visionario. La sua parola è meditata, carica di lunghe attese, di tensioni antiche, immutabili. Un “alfabeto estinto” che poi un guizzo, un pensiero accende. Ne deriva, almeno per lunghi tratti, un clima magmatico, più vicino al demonico di un Gèrard de Nerval che al turbinio di saette rimbauldiano. Penso qui a una poesia tra le più intense, esemplare di questa stimmungIl ladro, dove la potente scena del Golgota è filtrata dalla voce - o dalla maschera? - del ladrone poeta, del poeta ladro di fuoco:

“Io sono il ladro e vengo / in mezzo a voi con la maschera scura”
“Io sono il Tenebroso, il Vedovo / l'Inconsolato” era l'incipit di Nerval che qui fa da modello. E tuttavia Rienzi pare più disincantato, attento a non lasciarsi irretire dagli effetti e da una certa enfasi ancora presenti nelle poetiche romantico simboliste. Comunque, anche qui, come in Nerval e in Rimbaud, Io è un altro. “Il nome s'è spogliato”. È divenuto un nome difficile da pronunciare, il soggetto nascosto dagli stessi innumerevoli ruoli che ha finto di rivestire.  Sine nomine. Per non essere schiacciato dal peso del nome, Rienzi ricorre a una strategia. Il mimetismo degli eteronimi, lo scambio sciamanico delle identità. “Scrivere” dice Blanchot “è scongiurare gli spiriti, e forse liberarli contro di noi.” Doppio movimento, esorcismo rovesciato. Ben avvertibile nella poesia di Rienzi, ancor più se si pensa al brivido che viene da quel rimbalzo continuo tra il dentro e il fuori. Un dentro inconoscibile, intravisto come “cuore occulto”, e un fuori fluttuante d'instabilità, ugualmente inconoscibile:

"sì, c'era la luce, e forse anche troppa / e rendeva incerti i bordi delle ombre”.
E' il lavoro dell'ombra intorno all'ombra. Un lavoro sui confini sfrangiati dal continuo attraversare che finisce per assomigliare a un tessere.

E' la conoscenza del brivido.


Dario Capello

Luglio 2018

Nessun commento

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.