LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Antonio Terracciano
Il sonetto incarcerato

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Mi fa il sonetto a volte l'impressione

di un re che per litigio familiare

venne condotto dentro una prigione

dalla quale è difficile scappare.

 

Vorrebbe egli farsene ragione,

conoscere i peccati da scontare,

però non trova alcuna spiegazione

di quel suo stato sì particolare.

 

Giunge così ad amara conclusione:

l'invidia dei fratelli relegare

lo fece in quella orrida magione.

 

E allora solamente può sperare

che gli amici di cui sempre dispone

lo vengano un bel giorno a liberare.

 Stefano Verrengia - 18/03/2019 12:29:00 [ leggi altri commenti di Stefano Verrengia » ]

Perdonami l’errore sintattico nell’inizio del commento, ho scritto di fretta.

 Stefano Verrengia - 18/03/2019 12:25:00 [ leggi altri commenti di Stefano Verrengia » ]

Sonetto ineccepibile. Nonostante ciò, sarà che io son fatto male, ma i sonetti di Petrarca li butterei tutti giù nel cesso e tirerei lo sciacquone. Ripeto, mia personale opinione e mio gusto. Se dovessi scegliere chi buttare da un precipizio fra Majakovskij e Petrarca, tirerei un calcio a Petrarca senza dubitare un secondo e senza neanche conoscere il russo: mi bastano le traduzioni. Ciao Antonio.

 Ferdinando Battaglia - 13/03/2019 18:16:00 [ leggi altri commenti di Ferdinando Battaglia » ]

Gent.le Antonio, la tua cultura ed il tuo "mestiere" (arte pedagogica) di professore di francese, m’inducono rispetto e ancora di più reverenza vista anche la mia ignoranza strutturale, tuttavia ardisco disquisire per amor di confronto dialogico, sperando non per quello di mera polemica, e allora qui scrivo: mai fu re e mai lo sarà, non perché sia di per sé nella forma più difficile di altre, il riferimento ad Ungaretti credo sia inopportuno e fuorviante: l’efficacia del suo dire non poteva venire eguagliata da forme che avessero avuto quella sovrabbondanza di suono, che male avrebbe espresso la tragicità d’una trincea, ad esempio, epperò perché la poesia, come l’anima, trascende il corpo ovvero oltrepassa la forma, si offre (anche) come lingua simbolica per un’esperienza d’Altrove; ed per questo, cioè per questa funzione "medianica", che possiamo dire di un sonetto, come di una modernità: questa è (regale) poesia. Concludo: alcuni componimenti enigmistici, hanno la percezione poetica do metri e rime, eppure non gli riconosciamo quello statuto poetico che invece volentieri crediamo di ritrovare nei versi dei poeti, riconosciuti tali, anche di quelli non " armati" di sonetto; infine, già altre volte lo abbiamo detto: poesia non è solo forma ma anche contenuto ovvero, ciberneticamente, ciò che "altro" emerge dall’incontro dei due.

Un saluto

P.S. Versione da bus: potrebbero esserci errori d’ignoranza, grammaticali, concettuali, terminologici; me ne scuso.

 Antonio Terracciano - 13/03/2019 17:30:00 [ leggi altri commenti di Antonio Terracciano » ]

Ringrazio, per i loro apprezzamenti, Lorenzo e Giulia, alla quale rispondo sinteticamente: "Forse è stato incarcerato dalla (inevitabile) modernità" . A Ferdinando preciso che il sonetto non è affatto il re della poesia (attuale; come potrebbe esercitare il suo potere se è imprigionato? ) , ma che lo è stato nel passato, quando ci fu copiato dai Francesi, dagli Inglesi, dagli Spagnoli... A scuola anch’io preferivo studiare le più comode poesie del Novecento (magari quelle brevissime di Ungaretti... ) , ma chi di noi non aveva avvertito il fascino, sia pure arcano e non tanto comprensibile a quell’età, dei sonetti studiati, anche se di malavoglia, precedentemente? Chi non s’accorgeva della regalità, quasi della divinità oserei dire, di "Tanto gentile e tanto onesta pare" , di "Guido, i’ vorrei che e Lapo ed io" , o di "Erano i capei d’oro a l’aura sparsi" ?

 Giulia Bellucci - 13/03/2019 11:27:00 [ leggi altri commenti di Giulia Bellucci » ]

Concordo con Ferdinando e poi ti chiedo: ma chi l’avrà mai incarcerato questo sonetto? Tra l’altro di bei sonetti ne leggiamo ancora, soprattutto grazie a te!
Saluti.

 Ferdinando Battaglia - 12/03/2019 20:51:00 [ leggi altri commenti di Ferdinando Battaglia » ]

Gentile Antonio, il sonetto non è il re della Poesia, ma solo un suo suddito, per cui credo nulla c’entrino liti familiari o invidia fraterna…

Un saluto

 Lorenzo Tosco - 12/03/2019 19:52:00 [ leggi altri commenti di Lorenzo Tosco » ]

Questo è il sonetto come io lo considero, ma tenuto contro di quel che è avvenuto in questo sito quando si è parlato di sonetti, non dico altro, e quindi non alimento polemiche. "Mota quietare, quieta non movere".

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
 
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.