LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Antonio Terracciano
Spesso poesia è droga

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Come una droga, la poesia disegna

un mondo ch'è più bello del reale,

con il quale doversi confrontare

è per non pochi impresa colossale.

 

Ed allora il poeta ben s'impegna

nell'illustrare ciò ch'è più ideale,

invogliando il lettore a penetrare

in quell'ambiente alquanto innaturale.

 

(E' questa attività pregiata e degna,

ché nella vita spesso ciò che vale

è mettersi ogni tanto ad ingannare

quello che può parecchio farci male. )

 Antonio Terracciano - 17/05/2019 18:12:00 [ leggi altri commenti di Antonio Terracciano » ]

Sono perfettamente d’accordo con il commento della gentilissima Franca Colozzo e, in base alla mia esperienza, mi permetterei di aggiungere (da inveterato "classicista" , forse superficialmente penserà qualcuno) che la "droga" poetica è tanto più dolce, delicata ed efficace quanto più la poesia riesce a cullare il lettore in quella musica dei metri e delle rime che sembra un dono fattoci più da Morfeo che da Calliope o Euterpe, per allontanare (pur se provvisoriamente) con l’oblio i nostri brutti pensieri, convogliandoli verso un (illusorio, ma momentaneamente reale) ipnotico paradiso artificiale.

 Franca Colozzo - 17/05/2019 15:19:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Penso veramente, Antonio, che la poesia sia rigeneratrice e che ci affranchi da molti mali. Ci cura e ci ristora quanto più le nostre pene diventano impossibili da sopportare. Credo fondamentalmente che l’uomo abbia inventato (o forse essa è una traccia preesistente di vita spirituale, una scintilla divina) la poesia come panacea a tutti i mali. L’arte, ad ogni modo, nel suo insieme è catartica.
A mò di introspezione interiore, la poesia butta all’esterno tutti i fantasmi che ci inseguono nei sogni e gli incubi reali di un mondo dall’uomo stesso reso malvagio e rio (natura ria in Leopardi, niente a confronto dell’uom che di natura invera ogni sciagura).
Un saluto amichevole. Buona serata.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
 
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.