LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Maria Musik
Fiori

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]
Introduzione.
Mi rendo conto che la poesia dialettale può risultare "poco gradita" ad alcuni. Il vernacolo romano non è, però, di difficile "decodificazione" e può essere compreso un po' da tutti.
Ho deciso di cominciare anche le poesie dialettali perchè fanno profondamente parte di me e, le stesse cose, dette in italiano non avrebbero lo stesso ritmo ed impatto.

Fiori

Ce sta ‘na vecchietta
che venne le viole.
A quer sordatino ja detto:
“Ce l’hai ‘na regazza?
E portaje ‘n fiore”.
E lui cià pensato
e poi s’è fermato.
Chissà se con fiore
glie dica de sì
e se faccia all’amore
Ce sta ‘na vecchietta che venne le viole.

Ce sta ‘na vecchietta che venne le rose.
Te vede e te chiama
“La compri ‘na rosa?
Annamo ch’è tardi.
È ora che vado a magnà”
Ma che magnerà,
povero passerotto tutt’ossa.
La vedi rinchiusa in quello scialletto
e te disci:
gl’abbasta ‘na goccia de vino,
che drentro ‘n bicchiere c’affoga.
“La compri ‘na rosa? “
Ce sta ‘na vecchietta che venne le rose.

Ce sta ‘na vecchietta che venne li fiori dei morti.
Vestita de nero
te venne ‘na dalia e ‘n lumino.
co l’occhi annacquati de pianto
Te guarda
e conosce er dolore
che porta la morte ner core.
Te dà ‘nsieme ar cero
quei quattro fiammiferi
che er vento te sciupa
innanzi alla tomba.
Ce sta ‘na vecchietta che venne li fiori dei morti.

O meglio
ce stava quann’ero bambina
e ancora portavo quer fiore
alla tomba de nonna.

Ma mo è morta.

E co lei er sentimento
der rosso lumino.
Ma ‘n giorno ce torno.
E sopra a la lastra de’ marmo de quer cimitero
ce lascio ‘n ber fiore
E, forse, chissà
le parole, che mo nun ricordo,
per vecchio che more
per vecchio ch’è morto.

 A.R. - 05/10/2008 01:35:00 [ leggi altri commenti di A.R. » ]

Brava!!

 giuseppe - 09/08/2008 14:35:00 [ leggi altri commenti di giuseppe » ]

Bella e rotonda! mi piace!

 Sally Fontana - 09/08/2008 12:24:00 [ leggi altri commenti di Sally Fontana » ]

Questa è la calda umanità dei romani, quelli che abbracciano vitaemorte come fosse un’unica danza, un unico fluire, sempre col cuore

 giampiero - 08/08/2008 17:15:00 [ leggi altri commenti di giampiero » ]

rotonda e dolce

 juannesalvador - 08/08/2008 17:09:00 [ leggi altri commenti di juannesalvador » ]

Dipinto di una Roma segreta
ma che esiste ancora...
Eccellente l’impostazione
dell’opera...

 Loredana Savelli - 08/08/2008 14:10:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Per me sicuramente è stata gradita: mette fuori la parte più bella dell’animo romano, oggi così rara da trovare, o sbaglio? La tenerezza sotto la scorza dura.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.