LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Franca Colozzo
Holocaust

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

             HOLOCAUST

 

Holocaust is not an empty word,

not a painless memory,

not only a mourning ceremony. 

 

Holocaust is persecution,

genocide of Hebrews,

distress without conclusion,

diaspora and destruction.

 

No Peace in the Promised Land!

No Fato to forgot people!

Palestine complains its deads,

new territories Israel invades.

 

Hatred breeds hatred:

twisting the spiral of violence

the Intifada inflates itself

of human endless madness.

 

So the bloody Syrian war 

spreads death and devastation 

and sinks in the Promised Land  

the roots of the first repartition.

 

 By  Franca Colozzo

 

 Franca Colozzo - 20/01/2018 10:52:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Cara Franca, scusami se leggo solo ora il tuo commento in quanto la mia email ordinaria (yahoo) non funziona correttamente.
Ti posso attestare che i versi sono miei, tradotti dalla mia poesia originale in italiano "Olocausto", che sto inviando tramite Twitter a Liliana Segre, nominata di recente senatrice a vita, una dei bambini scampati alla sciagura dei campi di concentramento.
L’ho scritta in onore di mio padre, anch’egli prigioniero nei campi di sterminio e reduce dall’inferno dopo essere stato liberato dai russi. T’invito a leggere la mia poesia sul sito: "A mio padre".
Sabato 27, in occasione della giornata della memoria (dopo circa 30 anni dalla sua morte e dopo estenuanti anni di ricerche in Germania e in Italia, da parte mia e di un caro amico), si svolgerà presso la Prefettura di Latina la cerimonia per il conferimento della medaglia d’oro alla sua memoria.
Grazie Franca per le tue belle parole su "Holocaust". Sono da sempre una combattente con i miei scritti per la pace in Medio Oriente (vedi la mia ultima poesia su Gerusalemme).
Molte delle mie poesie pubblicate sul vostro sito lo testimoniano. Buon fine settimana e buon proseguimento del tuo encomiabile lavoro.

 Franca Alaimo - 19/01/2016 21:36:00 [ leggi altri commenti di Franca Alaimo » ]

Franca, ma di chi sono questi versi?
Ma, chiunque l’abbia scritto, essi sono portatori disperati di pace in quei territori del Medio-Oriente da sempre sconvolti da guerre e scontri. Poiché le guerre sono sempre inutili e portano con sé scie interminabili di vendette e di sangue.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.