LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Franca Colozzo
Di Marmara sogno il Mare…

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]
Non è possibile visualizzare il testo perché è un file in formato pdf, doc o rtf

 Franca Colozzo - 05/02/2018 19:43:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Grazie ad entrambi, Arcangelo e Graced, per i bei commenti alla mia poesia scritta ieri mattina, in un’assolata e fredda giornata di sole, sulla mia terrazza da cui si può ammirare il Mar Tirreno.
Scivolando il mio sguardo su quel mare d’intenso azzurro al suono dello scacciapensieri appeso all’esterno, il mio spirito è volato a Istanbul, da me considerata come una seconda patria per i quasi sette anni trascorsi là come docente distaccata dal M.A.E.
Viaggiare con la mente è un’esperienza meravigliosa ed esaltante soprattutto quando si rivisitano luoghi già noti.
Il mio è stato un viaggio a ritroso nel tempo, immaginando di ripercorrere il labirinto di viuzze che si snodano attorno all’Old Bazar o KAPALI ÇARŞI (in turco).
Le suggestioni e le immagini si amplificano, poi, navigando su un vaporetto verso l’arcipelago delle Isole dei Principi (citate da Arcangelo) ed immergendosi, poi, al ritorno nella dorata luce del tramonto che riveste di tonalità arancione e porpora moschee e minareti. Uno spettacolo particolare offre il Corno d’Oro, in cui s’insinua il Mar Di Marmara, con un gioco di colori e di tonalità contrastanti dovuti all’inclinazione dei raggi solari all’occaso.
Spero di poter pubblicare al più presto il mio romanzo su Istanbul in cui ho descritto molti luoghi suggestivi di quella magica città, unica al mondo su due continenti. Vi auguro una buona serata ed un buon proseguimento della settimana.

 Arcangelo Galante - 05/02/2018 18:42:00 [ leggi altri commenti di Arcangelo Galante » ]

Bellissimi ricordi e sensazioni che l’autrice ha voluto esporre, nel ricordare, poeticamente, quello specchio d’acqua salata, anticamente denominato Propontide ed oggi noto come Mar di Marmara.
Situato tra il Mar Egeo ed il Mar Nero, i suoi lido sono molto rinomati e, dalle sue acque, spuntano parecchie isole, tra cui, quelle più famose, che prendono il nome di arcipelago delle Isole dei Principi, o Propontidi di Plinio, in tutto nove isole, situate davanti alle coste di Istanbul.
I paesaggi e le descrizioni dell’ambiente circostante, sono il fulcro della lirica, che riflette in tutto e per tutto, la incantevole bellezza di quei luoghi, purtroppo non a tutti conosciuti, se non attraverso immagini o documentari, registrati in loco.
Nomadi pensieri, ricoperti anche da un velo di tristezza, che mai cesseranno di esistere nel cuore di chi li ha percepiti.
Un solare saluto, gentile Franca!

 Graced - 05/02/2018 18:35:00 [ leggi altri commenti di Graced » ]

Davvero splendida questa descrizione in versi del desiderio di questi
fantastici luoghi, a metà tra oriente ed occidente. Sembra di vederli, talmente le immagini sono egregiamente presentate, ed anche l’atmosfera
è propria di questi meravigliosi luoghi. Probabilmente la poetessa li ha già visitati, e credo le siano rimasti nel cuore. Una lirica evocativa che, ho molto apprezzato per il contenuto e la forma presentata. Complimenti! Un caro saluto da Graced.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.