LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Franca Colozzo
Giornata delle Donne - Women’s Day

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

                                  GIORNATA DELLE DONNE

 

Auguro a tutte le donne una giornata luminosa all'insegna della consapevolezza del ruolo che esse svolgono all'interno della società, auspicando che cessi la violenza nei loro confronti.

 

https://www.linkedin.com/in/franca-colozzo-55022459/detail/recent-activity/shares/

https://www.youtube.com/watch?v=91Is9LpARI4

 

 

L'immagine può contenere: fiore, pianta, cielo, nuvola, natura e spazio all'aperto
 

 

WOMEN'S DAY

 

I dislike parties, so odd I am indeed,

women's day on my list takes the lead,

because every day talking you feel

about murdered women in this hell.

 

Why do women want to celebrate

if in the world there are so many abuses?

Killed, raped women and child brides,

men do not care much about hate...

 

Every day news they say

to make me feel really ill.

I cannot defend my

 daughters so far away.

 

 

So it seems to me blasphemous

to pretend gender parity there is

I've found some life solutions:

I vainly fought a lot of battles,

I see no way out of this ford

that's why I ask a big reset

for every bad man to forget.

 

 

*

 

 

 

    FESTA DELLE DONNE 

 

 

 

 

 

Sono una donna che non ama le feste: 

 

la festa della donna della lista è in testa, 

 

perché ogni giorno si sente parlare 

 

di disgraziate, ammazzate o abusate. 

 

 

 

Perciò mi sembra strano festeggiare 

 

quando nel mondo ci son tanti soprusi: 

 

di spose bambine, uccise o stuprate, 

 

par che importi poco a lor signori…  

 

 

 

Ogni giorno di notizie un tamburellare 

 

da farmi stare veramente male, 

 

se penso che anch’io ho due figlie, 

 

proteggerle non so da mille miglia. 

 

 

 

Perciò mi par inutile e blasfemo 

 

finger d’esser sullo stesso treno. 

 

Per me che mi son fatta una ragione 

 

e ormai ho combattuto ogni tenzone, 

 

non vedo via d’uscita da ‘sto guado 

 

se non fare un reset vostro malgrado.

 

 

 

https://www.larecherche.it/testo.asp?Tabella=Poesia&Id=47768 

https://www.linkedin.com/in/franca-colozzo-55022459/detail/recent-activity/shares/

 

 

Purtroppo le donne hanno paura, specialmente in presenza di figli, di denunciare le violenze domestiche, anche perché economicamente rappresentano l'anello più debole all'interno del nucleo familiare. Dedico a tutte le donne questa mia poesia scritta in occasione dell'8 marzo, giorno in cui si celebra la loro festa. 

  

TODAY IN ITALY WE REMEMBER VIOLENCE AGAINST WOMEN. SO I WANTED TO FOCUS ON THE PRESSING ISSUE THAT DOES NOT ONLY OCCUR IN ITALY, BUT IT IS A GLOBAL EMERGENCY THAT NEEDS A COLLECTIVE RESPONSE AGAINST GENDER INEQUALITIES.

 

 Franca Colozzo - 10/03/2019 18:04:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Cara Edi, ti ringrazio del passaggio e del commento che constata il perdurare di una situazione apparentemente ristagnante.
Sono passati millenni e, nonostante le battaglie del ’68, l’avanzare delle donne in ogni campo dello scibile umano, la loro presenza sempre più significativa nel mondo del lavoro, pare che gli uomini siano rimasti ancorati a modelli obsoleti. Anzi sembrano regredire sempre di più verso una forma di infantilismo, di adulti mai cresciuti. Credo che ciò sia sostanzialmente colpa delle madri che allevano maschi e femmine seguendo stereotipi diversi in base a dei modelli sociali, differenti a seconda dei costumi di ogni popolo.
Non esisterebbero, altrimenti, le spose bambine (una forma mascherata di pedofilia e di tratta di schiave a pagamento) né tantomeno la violenza brutale sulle donne, più deboli fisicamente ma più forti psicologicamente.
Il discorso purtroppo è lungo e spinoso e tira in ballo quasi tutte le religioni che hanno assegnato sempre ruoli subalterni alle donne, privilegiando gli uomini. D’altra parte le religioni le hanno creato questi ultimi, trincerandosi dietro il verbo divino.
Dio opererebbe in maniera più equanime, ammesso che sia interessato alle sorti umane dal momento che lo rappresentiamo a nostra immagine e somiglianza con le stesse pulsioni, emozioni, motivazioni umane.
Un saluto affettuoso. Buona serata

 Edi Davoli - 10/03/2019 12:52:00 [ leggi altri commenti di Edi Davoli » ]

Sono d’accordo Franca. Una festa per cosa? Per dire che siamo persone, che abbiamo il diritto di scegliere, il diritto di essere rispettate, il diritto di non essere delle proprietà, il diritto di crescere nella sicurezza di una famiglia sana. No, non dovrebbe essere misurato tutto questo su dei diritti ma sulla grandezza dell’amore. Un abbraccio!

 Franca Colozzo - 10/03/2019 00:05:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Cara Giulia, condivido pienamente il tuo pensiero. Da quella famosa costola, inventata da qualche maschilista, è nata la nostra tragedia. Io propenderei più per la soluzione opposta: l’uomo nato dalla donna. Chi è madre? Ma, a prescindere, il dilemma se è nato prima l’uovo o la gallina lo lascerei cadere nel vuoto.
La verità è che le religioni sono state inventate dagli uomini per sete di potere e necessità di sottomettere la donna, altrimenti il controllo delle nascite sarebbe stata una tragedia a quei tempi.
Oggi, dove tuttosi usa e getta, si è approdati sulla riva opposta: donne da consumare in fretta. La realtà attuale è ancora più deprecabile della fatidica costola. Speriamo di trovare un equilibrio: un mondo dove uomini e donne si tengano per mano.
Omnia vincit Amor...

 Giulia Bellucci - 09/03/2019 22:34:00 [ leggi altri commenti di Giulia Bellucci » ]

Franca, della festa delle donne ne farei a meno anche io, perché sembra un controsenso. Non dovremmo proprio averne bisogno di questo giorno per ricordare agli uomini e a noi stesse che non siamo state create dalla loro costola, ragion per cui si arrogano il diritto di ritenerci una loro proprietà. Ovviamente non bisogna cadere nell’errore di generalizzare. Inoltre credo che a volte siano le donne stesse ostacolo per la conquista della piena parità e del rispetto.
Un saluto!

 Franca Colozzo - 09/03/2019 18:59:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Grazie a voi tutti Alice, Giovanni, Graced, Salvatore per il vostro contributo di idee. Vi ho accomunati in un unico commento perché in fondo siete sulla stessa lunghezza d’onda.
D’altra parte, tutti voi siete d’accordo, per sensibilità personale e consapevolezza in merito al drammatico problema della violenza sulle donne e sul ruolo subalterno affidato loro nell’ambito di una società prevalentemente maschilista.
Purtroppo gli uomini, in generale, non vogliono saperne di essere abbandonati. Crescendo molto spesso come mammoni per colpa delle loro madri, spesso riflettono sulla compagna l’immagine materna. L’abbandono, vissuto così in maniera patologica, si trasforma in violenza sulla donna nel momento in cui lei decide di rifarsi una vita. Perciò occorre educare in maniera prioritaria ed in tenera età soprattutto le donne, tendenzialmente madri!
Anche le religioni, nessuna esclusa, hanno sempre relegato la donna in immagini stereotipate: regina del focolare, madre esemplare, etc. Agli uomini faceva molto comodo l’immagine rassicurante di una compagna relegata tra quattro mura domestiche. Dopo il ’68 con le proteste femminili e le trasformazioni dei modelli sociali che il web ha trascinato con sé, dando alla donna capacità di evasioni anche tra le mura di casa, si è assistito ad un cambiamento epocale con una scia di sangue e di violenza senza pari. Mi auguro, pertanto, che gli uomini prendano consapevolezza di ciò e si affranchino dai modelli ormai superati del passato, guardando alle donne come compagne di viaggio in questa astronave della vita. Buona serata e buona domenica a tutti voi.

 Graced - 08/03/2019 19:36:00 [ leggi altri commenti di Graced » ]

La festa della donna dovrebbe essere ogni giorno dell’anno, si spera che gli uomini si rendano conto che, la donna è paritaria all’uomo e che deve stare al suo fianco e non essere dominata da lui. Questa festa ricorda in certo qual modo, che la donna è stata sempre vittima dell’alto sesso o di eventi che l’hanno relegata sempre in un ruolo subalterno rispetto agli uomini. La nostra speranza è quella che non ci siano più discriminazioni e femminicidi su questa vittima sacrificale
all’altare della cattiveria e supremazia di coloro che credono di essere uomini. Un caro saluto cara Franca,ho molto apprezzato i tuoi dolenti versi. Un affettuoso saluto.

 Giovanni Rossato - 08/03/2019 18:05:00 [ leggi altri commenti di Giovanni Rossato » ]

Sono d’accordo che l’unica soluzione sia un reset, ma devo con tristezza dire che ci credo ben poco, se la pace non è nei nostri cuori come potrebbe essere nel mondo?
Grazie Franca, comunque quello che hai scritto era necessario.

 Salvatore Pizzo - 08/03/2019 18:05:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

Auguri a che tale festa possa esserlo ogni giorno dell’altro...
Un salutabbraccio

 Alice P - 08/03/2019 17:14:00 [ leggi altri commenti di Alice P » ]

La festa delle donne è un evento importante, perché purtroppo sembra che all’uomo vada ogni tanto ricordata l’importanza, nonché la dignità dell’essere femminile. Se la dimenticasse troppo a lungo, non saremmo troppo lontani dal medioevo.

Tutto sommato, questa festa, nel tempo, a causa delle stesse donne si è trasformata in qualcosa di "degradante" e "osceno", che ha fatto cadere nel dimenticatoio il vero motivo di questa commemorazione. Molte donne approfittano di questo giorno per liberare tutti gli istinti repressi, in discoteche o in pub da quattro soldi, esponendo e vendendo tutta la femminilità di cui dovrebbero essere fiere. Logico poi che in questo modo, per le donne serie è ben più difficile farsi valere nel mondo degli uomini.

Questa festa non dovrà mai scomparire, e continuo a sperare che il vero motivo della sua esistenza, un giorno sarà di nuovo chiaro per tutti.

Una poesia bellissima e significativa, perfetta per questo giorno.

Ciao Franca, un abbraccio.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.