LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Franca Colozzo
Il Manifesto di Ventotene

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

*Avendo eliminato il testo per errore, chiedo venia a tutti i miei commentatori. Cercherò di ripristinare tutti i commenti faticosamente scritti da me e dagli altri.  

 

 

IL MANIFESTO DI VENTOTENE

L'immagine può contenere: cielo, oceano, pianta, nuvola, albero, spazio all'aperto, natura e acqua

 

Isola all'orizzonte

all'alba appare,
sola e negletta, com'il pensier
mio che veleggia 
sul glauco mare alla deriva.

 

Ventotene s'intravede appena,
sfocata nave 
nella mia memoria:
là i Padri Fondatori
han fatto scuola.

 

Manifesto ideale,
culla di sogni
sulle macerie d'una guerra infame,
s'affanna S. Stefano a mostrare
le celle della sua prigione.

 

Muri sbrecciati dove la preghiera
s'è fusa al grido di martiri ed eroi,
là segregati per le loro idee, 
dal Fascimo condannati poi.

 

Proprio là, dove l'acre odore
salmastro il vento porta 
nel cortile del carcere
chiuso alla marina,
l'idea d'Europa sale.

 

Oggi, ahimé, "Carta" straccia!
In mano a sovranisti senza fede,
stupida e lassa
la memoria passa 
quando di storia s'è perduta traccia.

 

By Franca Colozzo

 

Il Manifesto di Ventotène, avente titolo originale Per un'Europa libera e unita. Progetto d'un manifesto, è un documento per la promozione dell'unità europea scritto da Altiero Spinelli ed Ernesto Rossi nel 1941 durante il periodo di confino presso l'isola di Ventotene, nel mar Tirreno, per poi essere pubblicato da Eugenio Colorni, che ne scrisse personalmente la prefazione.
È oggi considerato uno dei testi fondanti dell'Unione europea.
(Wikipedia)

 

*

 

The Ventotène Manifesto, with its original title "For a free and united Europe". Project of a manifesto, is a document for the promotion of European unity written by Altiero Spinelli and Ernesto Rossi in 1941 during the period of confinement at the island of Ventotene, in the Tyrrhenian Sea, to then be published by Eugenio Colorni, who he personally wrote the preface.
It is now considered one of the founding texts of the European Union.

https://www.linkedin.com/…/my-personal-speech-peace-world-…/

 

 

 

"VENTOTENE" MANIFESTO

 

Island on the horizon
at dawn Ventotene appears,
neglected, like my thought
that lonely sails
on the glaucous drifting sea.

 

Ventotene is barely visible,
blurry ship
in my memories:
there were Founding Fathers
Europe idea built.

 

Ideal "Manifesto",
cradle of dreams
on the ruins of the 2nd World War, 
S. Stefano struggles to show
the cells of its prison.

 

Cracked walls where prayer
has merged with the cry
of martyrs and heroes,
there segregated for their ideas,
from the Fascim condemned.

 

Right there, where the acrid smell
of salt the wind carries,
inside the prison yard
closed to the marina,
the idea of Europe is born.

 

Today, alas, that "Manifesto" rags!
In the hands of sovereigns without faith,
smeared and faded
through the blurred lens
of forgotten history memories.

By Franca Colozzo

 

 

 

 

 Franca Colozzo - 24/05/2019 20:28:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

*Mi scuso con i miei commentatori ma, avendo cancellato per errore la mia poesia mentre stavo pubblicando un articolo con il nome analogo che poi ho eliminato, ho dovuto ripristinare i loro e i miei commenti dalle email inviatemi per fortuna dal sito "La Recherche".
§§§

1) Ringrazio Francesco Rossi per il suo commento esaltante nei miei confronti. Sono stata in passato un’idealista, un’attivista,
ma non ho mai fatto politica in prima persona.
So bene che, in quest’ultimo caso, avrei finito per litigare con tutti. Si predica bene e poi si razzola male. Il male italiano è un male endemico e ci vorrebbe una rivoluzione pacifica, sincera, ideale, vera. Grazie di cuore. Buona serata.

Firma: Franca Colozzo


2)Cara Graced, grazie del tuo passaggio. Poiché io non mi arrendo mai, ho accettato onorificenze e cariche dall’estero, che tu conoscerai attraverso il mio profilo Facebook, allo scopo di dialogare con il mondo restante senza preclusioni di parte.
Ad esempio, il problema migratorio è un tema che mi sta molto a cuore, anche se di difficile soluzione, così come la pace nel mondo senza divisioni né muri e l’Europa di cui facciamo parte integrante.
Entrando nel merito del malessere dell’Italia, mi appare come una scissione della sua anima complessiva in tante sfaccettature dovute al suo retaggio storico. Da qui nascono la forbice tra nord e sud e le dicotomie tra i vari regionalismi con i recenti rigurgiti nazionalistici. Avendo avuto mio padre confinato nei campi di concentramento nazisti, ovviamente mi colloco agli antipodi di ogni sovranismo, fascismo o nostalgia di un passato per nulla brillante. Il vero problema è che ci si dimentica facilmente delle lezioni che la storia ci ha somministrato. Dovremmo sempre essere pronti a lottare per le nostre idee e a non rinunciare al presente. Un affettuoso abbraccio. Buona serata.

Firma: Franca Colozzo


3) Caro Salvatore, nel ringraziarti del tuo passaggio, condivido pienamente quello che dici. Siamo idealmente vicini e la forza di portare avanti le proprie idee è sempre quella vincente anche quando si prendono batoste politiche. L’importante per me è credere nei valori fondanti della democrazia e della libertà che va conquistata ogni giorno. Mai mollare la guardia perché i rigurgiti nazionalisti covano sempre come fuoco sotto la cenere.
L’Europa faticosamente fondata deve un tributo al "Manifesto di Ventotene" e ad uomini come Altiero Spinelli ed Ernesto Rossi, mentre erano detenuti quali prigionieri politici nel carcere di S. Stefano. Altresì lo deve ad Eugenio Colorni, che ne scrisse la prefazione, per un’Europa finalmente libera, unita e senza più la piaga della guerra dopo l’esempio delle due ultime due guerre devastanti. Oggi che l’edificio europeo appare traballante, ci troviamo a fare i conti con i fantasmi di un passato che sembrava definitivamente sepolto.
T’invito a leggere il mio discorso sull’Europa, improvvisazione di una "quisque de populo" che prova a divulgare il suo appassionato prensiero di apertura ai mondi e non di chiusura ad essi. Grazie e buona serata.
https://www.linkedin.com/pulse/my-personal-speech-peace-world-9-may-europe-day-franca-colozzo/

Firma: Franca Colozzo

 Franca Colozzo - 24/05/2019 20:18:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

1)In perfetta sintonia ideale. Un testo poetico di grande valore. Da divulgare.

Firma: Francesco Rossi


2) Purtroppo, oggi tutto ciň č stato cancellato e disatteso, come disattese sono stati i fini per cui si era fondata questa Europa. La coesione dei popoli non esiste, č solo un’ Europa della banche, delle lobby e dei potentati. Mi auguro che il voto possa cambiarla e migliorarla per il bene comune di tutti i popoli che vi vogliono far parte. La tua poesia č bellissima ed accorata e, presenta bellissime immagini che la rendono preziosa ed apprezzata alla lettura carissima Franca. Ti auguro una splendida giornata e ti abbraccio affettuosamente, Grazia!

Firma: Graced


3)Che dire se non aderire a questo tuo testo che sa così tanto di idealità non arresa e denuncia civile alta? E’con gran piacere che ti accolgo in versi che riportano in auge una questione altrimenti sprofondata nello sterile dibattito di interessi di bassa"lega"e propositi di fascistissimo sfasciamento dei pilastri della democrazia continentale... Un abbraccio empatico ed amicale.........

Firma: Salvatore Pizzo



Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.