LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di alessandro venuto
Ἄρτεμις

- Se sei un utente registrato il tuo commento sar subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sar letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sar inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo pi veloce per commentare quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, possibile che tu abbia gi impostato tale servizio: [ autenticati ]
Ho fatto un sogno.
Splendeano del sole forti
I raggi tra le foglie indorate
Di cattedrali di alberi
E ogive di rami,
correvo veloce tra le fronde;
in petto il cuore di gioia
Vita batteva forte e pulsava
sangue vivo e rosso, adrenalina
Dava ali alla corsa e a niente pensavo
Se non alla sete di correre
Che non si spegnea ch pi forte
Avrei provato il desio di riaccenderla.
Seccitava lanimo col profumo di selva
E lagre fragranza dei pini, la vista sinebriava
Sui tronchi eleganti di larici e faggi
E sui giochi di ombre e di luci.
Qualcosa s mosso,
ora non pi.
Lo stupore sorpreso necessita di occhi socchiusi.
L, nel fogliame fitto, un daino brunito resta immobile.
Ha il sospetto negli occhi di ambra.
Un attimo ancora,
e non pi. Inizia la caccia.
Corre luomo e bestia risveglia
Rincorrendo la preda
Ardente distinto, a un tratto sembra
Che ceda ma solo un istante
E di nuovo riprende la folle sua corsa
E cos io, di me inconsapevole.
Oh dei, quanto costato il nostro
Essere uomini!
Ma ormai il daino sfuggito
e stanco a un cipresso mi appoggio e ansimante ricado,
cercando aria da bere;
brilla di luce il riflesso di un lago,
risate di ragazze allietano laria ed eccole l,
che schizzano acqua tra loro
con spruzzi dargento. Tra loro v una
che della bellezza dei marmi risplende,
lucida pelle che pare scolpita da mano divina
e occhi di cerva color dossidiana
che allarte e allamore sublime
mi chiamano.
Oh, dolce risveglio di vita
Nel sogno potessi non svegliarmi
Mai! Trattieni quel giorno
Che la notte ha portato, Artemide,
allontana di Febo Apollo i cavalli
dal mondo perch il nostro sonno
sia eterno! Tu mi richiami alla vita!
Ma non appena i tuoi occhi
incrociano i miei
ogni cosa finisce e misero
torno nel mio letto di sabbia,
con solo del cervo lamaro ricordo
di un tempo dov'ero
divino.








 alessandro venuto - 08/04/2020 17:22:00 [ leggi altri commenti di alessandro venuto » ]

Grazie a te come sempre

 Arcangelo Galante - 08/04/2020 16:26:00 [ leggi altri commenti di Arcangelo Galante » ]

Gentile Alessandro, non fraintendere le mie parole ma, purtroppo, malgrado trovi meravigliosa lopera pubblicata, la ritengo estremamente lunga alla lettura e potrebbe proprio stancare il lettore, sino a scoraggiarlo nel proseguire verso un accurato approfondimento del testo.
Questa impressione semplicemente dettata da una amichevole spontaneit che non vuole assolutamente sminuire il tuo lavoro poetico.
Buona vita e grazie per avermi letto!

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verr data la possibilit all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignit dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sar tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potr essere anche negativo ma non dovr entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno pu sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sar memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potr essere messo a disposizione dell'autorit giudiziaria.