LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Cosimina Viscido
Io Ti Divoro

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]
Divorare.
E' davvero il verbo giusto
per parlare di piacere,
di peccato e
di Poesia?

Io ti divoro,
nel mio verso dissoluto,
e tu sei Mio,
fin dentro
le mie viscere.




 Nando - 02/02/2014 11:40:00 [ leggi altri commenti di Nando » ]

La trovo una poesia luminosa, il frutto di una lunga e frequente riflessione sul tema. Interessanti sono i tre accostamenti, esprimono bene il substrato della nostra educazione culturale, dove il piacere sempre era definito in qualche modo voce del peccato; e molto più interessante la via di riscatto trovata dalla poetessa che, affiancandogli la Poesia, quasi opera una mimetizzazione della redenzione cristiana. Qui, su questo punto della poesia però mi fermo: ci vorrebbero menti migliori della mie e altro tempo per argomentare e approfondire un tema per me così importante e profondo; mentre qualcosa direi sul verbo divorare, anche qui una selezione verbale penso riflettuta e non casuale: è nell’esperienza degli amanti (in senso verbale e non morale) lasciarsi divorare a vicenda dal piacere dell’altro (solo con la Poesia è uno solo a "mangiare") ma, se questo avviene in un vero amore, allora è solo l’attimo sistolico dell’amore, il transito del percorso di ritorno, quando chi ama, restituisce l’amato a sé stesso.
Forse un po’ caoticamente espresse, ma questo mi ha "detto" la tua bella poesia.

Ciao Cosimina

 Lorenzo - 02/02/2014 10:55:00 [ leggi altri commenti di Lorenzo » ]

Adielle! Leggo in ritardo... cazz dici... giusto, brava Cosimina, nostra sempiterna fatina, della Poesia bisogna avere anche paura, e cosa ci facciamo qui, un social network? Orrore orrore ! ! !

Farsi divorare così è una catarsi, possiamo finalmente incidere sulla realtà dall’interno, invece di subirla, cosa aspettiamo?

 Lorenzo Mullon - 02/02/2014 10:45:00 [ leggi altri commenti di Lorenzo Mullon » ]

Adoro il cannibalismo poetico!

 Adielle - 02/02/2014 03:28:00 [ leggi altri commenti di Adielle » ]

Ho un po’paura.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.