LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo proposto da Gaetano Lo Castro
Il Corano

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

 

"...l'uccisione di un essere umano, salvo il caso di un errore o di una disgrazia, sarebbe stato da Noi considerato come un delitto contro l'intera umanità."

Il Corano

 

 Gaetano Lo Castro - 27/01/2016 19:48:00 [ leggi altri commenti di Gaetano Lo Castro » ]


Spero che almeno non sia un non credere acriticamente! Se non si chiude cuore e mente, prima o poi la luce (quella vera!) vince il buio. Sinceri auguri.

 Angelo Ricotta - 26/01/2016 18:54:00 [ leggi altri commenti di Angelo Ricotta » ]

Nella traduzione che ho io è:
Sura V:
32 Per questo abbiamo prescritto ai Figli di Israele che chiunque uccida un uomo che non abbia ucciso a sua volta o che non abbia sparso la corruzione sulla terra, sarà come se avesse ucciso l’umanità intera. E chi ne abbia salvato uno, sarà come se avesse salvato tutta l’umanità.
I Nostri messaggeri sono venuti a loro con le prove! Eppure molti di loro commisero eccessi sulla terra.

Quindi l’intimazione si riferisce agli ebrei e non ai musulmani. A questi ultimi, in altre Sure, vengono intimate cose diverse del tipo:
Sura 2
190 Combattete per la causa di Allah contro coloro che vi combattono, ma senza eccessi, ché Allah non ama
coloro che eccedono.
191 Uccideteli ovunque li incontriate, e scacciateli da dove vi hanno scacciati: la persecuzione è peggiore
dell’omicidio. Ma non attaccateli vicino alla Santa Moschea, fino a che essi non vi abbiano aggredito. Se vi
assalgono, uccideteli. Questa è la ricompensa dei miscredenti.
192 Se però cessano, allora Allah è perdonatore, misericordioso.
193 Combatteteli finchè non ci sia più persecuzione e il culto sia [reso solo] ad Allah. Se desistono, non ci sia
ostilità , a parte contro coloro che prevaricano.

Per quanto riguarda il proprio percorso spirituale io ne ho seguito uno opposto: dal credere acriticamente fino alla luce dell’ateismo! Il mondo è bello perché vario.

 Gaetano Lo Castro - 26/01/2016 14:25:00 [ leggi altri commenti di Gaetano Lo Castro » ]


Sura V, versetto 32. Il senso cambia un po’ nelle diverse traduzioni. A me la lettura del Corano e degli altri testi sacri di altre religioni è servita ad apprezzare ancor di più la luce della Bibbia, in particolare il sole dei Vangeli. Ciò dopo esser emerso dal buio dell’ateismo.

 Angelo Ricotta - 26/01/2016 00:07:00 [ leggi altri commenti di Angelo Ricotta » ]

Mi piacerebbe sapere in quale sura e versetto è scritta la frase. Grazie

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.