LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di cristina bizzarri
Che altro dire dell

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]
Non si può dire altro che se stessi,
sull'arco della porta trama
d'altra storia sul tuo viso -
fiume che oltrepassa
voce di sorgente,
fiume già trascorso
che non puoi fermare.
Non nell'ordito strada,
non percorso
con chi in altro modo
ascolta il mare - forse lo stesso -
altra visione,
altro silenzio
gli occhi.
Allora sulla scena a capo chino
finita la commedia -
sentendo negli applausi
un'onda di pietà.


 Fiammetta Lucattini - 25/03/2013 08:55:00 [ leggi altri commenti di Fiammetta Lucattini » ]

Assaporo e non commento.

  Cristina Bizzarri - 22/03/2013 22:35:00 [ leggi altri commenti di Cristina Bizzarri » ]

Amina, beh allora sul mucchietto di parole ce ne aggiungo altre, se tu mi scrivi così!
;-)





 Amina Narimi - 22/03/2013 21:23:00 [ leggi altri commenti di Amina Narimi » ]

ancora una perla brilla per metà del cielo
si spezza in gola l’altra in assenza.

Un caro abbraccio cristina

  Cristina Bizzarri - 22/03/2013 17:44:00 [ leggi altri commenti di Cristina Bizzarri » ]

GRAZIE dei vostri commenti, bello esprimersi come l’avete fatto tutti!!!




 Ferdinando Giordano - 22/03/2013 15:16:00 [ leggi altri commenti di Ferdinando Giordano » ]

Ti amo per questa lucidità (è una tua costante meravigliosa). Amo di te l’inappellabile fenomenologia vissuta e presente.
Amo ciò che mi giunge dalla maglia del timbro.
Amo la tua complessa, completa espressività vitale: si può dire?

 Ferdinando Battaglia - 22/03/2013 08:36:00 [ leggi altri commenti di Ferdinando Battaglia » ]

Dall’esperienza personale e contingente, si apre l’anima mostrando in sé altri orizzonti, tra fleicità solo intuite possibili e i dolori incarnati. Rimane la feralità dei giorni vissuti, ricordi di gioie e tristezze, ma comunque irreversibilmente irrecuperabili, allora "sulla scena a capo chino/finita la commedia -/sentendo negli applausi/un’onda di pietà." La poesia è molto bella, la chiusa è un tratto magistrale; però penso a tutti quegli attori che nemmeno quel frastuono hanno mai udito nelle loro "rappresentazioni". Quale riscatto? A loro va il nostro compassionevole ricordo.

Ciao Prof, c’è chi semina e si pensa sterile e chi raccoglierà pensando di essere stato lui il seminatore; l’importante è vivere onestamente.

 Giovanni Baldaccini - 22/03/2013 00:28:00 [ leggi altri commenti di Giovanni Baldaccini » ]

Panta rei, Cristina, compresi noi, ma le parole per fortuna restano. Ci vediamo alla foce. Ciao ;-)

 chiara - 21/03/2013 22:37:00 [ leggi altri commenti di chiara » ]

Poter piangere, riuscirci, è un bene che non ho avuto. Non ho avuto silenzio per tanto tempo. stridere continuo di trama e ordito lacerati da qualche parte in fondo. Torna a volte, e questa volta sì. Non ti aggiungo altro, ma ti ho letto. So che sai qualcosa che soltanto l’esperienza viva insegna. Ciao Cristina.

 Carla de Falco - 21/03/2013 21:29:00 [ leggi altri commenti di Carla de Falco » ]

la commedia del nostro rappresentarci maieuti? forse. quell’onda di pietà, in ogni caso, mi ha travolta.

 roper - 21/03/2013 19:39:00 [ leggi altri commenti di roper » ]

e, come sempre, quel che conta di più è quel che non possiamo dire, sicche’ rilancio dal dire dell’assenza al suo non poter essere detto

 Loredana Savelli - 21/03/2013 19:16:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Con il tuo commento, ne ho fatto una lettura diciamo "lavorativa" e non posso che dirmi a te solidale, con tutto il cuore e con tutta l’inadeguateza.
Un caro saluto con abbraccio.

  Cristina Bizzarri - 21/03/2013 19:07:00 [ leggi altri commenti di Cristina Bizzarri » ]

Grazie Valentina, sento tutto il tuo affetto e lo ricambio!

  Cristina Bizzarri - 21/03/2013 19:00:00 [ leggi altri commenti di Cristina Bizzarri » ]

Vero e grazie Cristiana e Luciana. Vivo momenti e stati d’animo d’inadeguatezza, soprattutto a scuola. Ma sono cmq d’accordo con voi...
Un abbraccio!



 Valentina Rosafio - 21/03/2013 18:57:00 [ leggi altri commenti di Valentina Rosafio » ]

i tuoi sono canti di bellezza Cristina!

 Luciana Riommi Baldaccini - 21/03/2013 18:53:00 [ leggi altri commenti di Luciana Riommi Baldaccini » ]

Sono d’accordo con Cristiana: il fiume già trascorso è ciò che forma la nostra ricchezza. E la bellezza.
Ciao Cristina :-)

 Cristiana Fischer - 21/03/2013 18:42:00 [ leggi altri commenti di Cristiana Fischer » ]

chiusa triste, Cristina. il "fiume già trascorso/che non puoi fermare" è la tua ricca abbondanza

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.