LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Giorgio Mancinelli
El malasuerte - tango

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

El malasuerte - tango lunfardo


Malo, malo, malo, tengo mal grande
en mi pecho
en este mi corazón
qué tú has reducido al silencio
cuando querría gritar al viento
y estos mis ojos
qué ciegos te buscan en la oscuridad
a ser sola voz libre en el canto
a decir, a buscar alma
la maldita paz que me falta
. . .
Y siento en el rostro tedioso del cielo
la extraña gana de correrte encuentro
cuando una ráfaga de viento transporta
el extraño olor del polvo
dentro de una larga y angustiosa malìa
sí que también el polvo espera
qué en la tarde de verano llegas contigo
el ardor de una nueva ebriedad
y en el cansacio de los ojos
a imaginar alguna cosas que valga
. . .
Qué en el momento único y sincero
de nuestro desengaño
nada más sirve a darnos toda la felicidad
qué quisimos
y posaremos los cuerpos cansados
en el polvo que hemos acumulado
y todavía huiremos arrogantes
todavía equivocando
de querer arañar a la vida
aquella última esperanza que nos niega.


La malasorte – tango lunfardo

Male, male, male, provo gran male
nel petto
in questo mio cuore
che tu hai ridotto al silenzio
quando vorrebbe gridare al vento
e questi miei occhi
che ciechi ti cercano nel buio
a essere sola voce libera nel canto
a dire, a cercare dell’anima
la maledetta pace che mi manca
. . .
E sento nel volto tedioso del cielo
la strana voglia di correrti incontro
quando una folata di vento trasporta
lo strano odore della polvere
dentro una lunga e tormentosa malìa
sì che anche la polvere aspetta
che nella sera d’estate arrivi con te
l’ardore di una nuova ebbrezza
e la stanchezza degli occhi
a immaginare qualcosa che valga
. . .
Che nel momento unico e sincero
della nostra disillusione
nulla più serve a darci tutta la felicità
che volevamo
e poseremo i corpi stanchi
nella polvere che abbiamo accumulato
e fuggiremo ancora spavaldi
sbagliando ancora
a voler graffiare alla vita
quell’ultima speranza che ci nega.

 Leopoldo Attolico - 14/10/2012 12:30:00 [ leggi altri commenti di Leopoldo Attolico » ]

Sempre godibile il miglior Giorgio , appassionato e caliente .
Un caro saluto !
leopoldo -

 Gian Maria Turi - 14/10/2012 00:31:00 [ leggi altri commenti di Gian Maria Turi » ]

Davvero incredibilmente tango, sentivo Gardel in sottofondo mentre la leggevo. Una poesia eccellente!

 Loredana Savelli - 12/10/2012 14:23:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

STUPENDAMENTE TANGO!!! Complimenti Giorgio!

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.