LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Giorgio Mancinelli
L’Uomo di Cristallo

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

L' Uomo di Cristallo.

Ha negli occhi essenza di cose
dissonanze di tempo
visioni sterminate di campi assolati
filari d'alberi verdi e spogli
solchi profondi di piazze arate
fiumi d'orgasmo di strade affollate
frantumazione di folla
colta nell'attimo febbricitante
sul filo dei marciapiedi dove cammina
dove impazzisce.

A città automatizzate tiene scheletri d'edifici
guerre d'ombre fratricide
insoddisfazione d'amplesso
il vecchio il nuovo contrasto d'ogni tempo
davanti le chiese raccoglie povertà
della società cosiddetta avanzata
avanzi al mercato
Prevert è un cane che vaga tra i rifiuti
Boudelaire tiene aperto un ultimo banco
di fiori per tutte le stagioni
i figli del male defraudati
le madri violentate
schegge impazzite di una ultima guerra.

Riflette negli occhi contrasti connubi
raccoglie voci
ricapitolazioni del passato
storie senza senso
per assonanze metafisiche
afferra attimi impossibili da vivere
coglie umori sulla faccia della gente
le grandi scritte sopra i muri
incoerenza d'idee
ostentazione di un volere altrui
fra verticalismi incombenti
l'ultima scapigliatura di moda
gli artisti in vetrina mostrano
le ultime schifezze dell'arte cialtrona.

A sera
immerso nell'ombra che tutto nasconde
torna sui propri passi
per poi ritrovarsi da solo
annichilito e stanco
come schiacciato

dentro un Picasso.



da "La stanza dei giochi impossibili" - (1980-2000) - raccolta inedita


 

 

 ro. per. - 08/09/2010 20:52:00 [ leggi altri commenti di ro. per. » ]

Come attraverso uno specchio, sembra che l’intera umanita’ sia questo Uomo di cristallo! Bella!

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.