LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Giorgio Mancinelli
’La migliore offerta’ un capolavoro del cinema ita

- Se sei un utente registrato il tuo commento sar subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sar letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sar inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo pi veloce per commentare quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, possibile che tu abbia gi impostato tale servizio: [ autenticati ]

‘La migliore offerta’ di Giuseppe Tornatore, un capolavoro del cinema italiano.

In puro stile Tornatore, cioè flemmatico, avvolgente, coinvolgente, per quanto alle prese con una trama originale e una sceneggiatura impeccabile, questo film si apprezza anche per le altre qualità d’insieme, a cominciare dal gusto, elegante e raffinato delle inquadrature, quel po’ di sofisticato ‘viscontiano’ nella ricercatezza scenografica che non guasta, e infine, ma non in ultimo, la gestione dei personaggi, resi vigorosi da un impianto teatrale che molto toglie al cinematografico ma che rende loro lo spessore e la credibilità che necessitano nel raccontare ogni loro singola esperienza. Non sempre imprevedibile la trama, ricorda qua e là altre situazioni déjà vu (La partita, La stangata), e tuttavia intrigante e fascinosa, in cui la simulazione affronta temi ben più sottili e difficoltosi tipicamente nostrani, eppure quasi mai resi così apertamente ‘visibili’ nel cinema, come la sensibilità artistica (tipicamente italiana) del collezionista, la rinuncia di se stessi per uno scopo, la senilità che incombe sul desiderio, l’illusione e la speranza di poter dare una svolta alla propria vita. Questi i risvolti sottili e ‘coinvolgenti’ del film, difficili da esternare in immagini ma che il regista ha sottolineato, forse senza ironia, certamente con destrezza e capacità intellettuale, volendo compenetrare - come egli stesso ha detto in una recente intervista - quella che è l'Arte del cinema nel mondo dell'Arte tout court. E forse c'è riusciuto, mixando in ciò che di 'visibile' le due arti hanno in comune, lo stupore sottile della bellezza. Lo si direbbe un thriller dotato di un suspense per così dire ‘alterato’ nell’effetto, che non ha fretta di arrivare a una conclusione oggettiva ma che, all’uopo tende a diluirla nel ‘tempo e nello spazio’, la sequenza ‘hitchcockiana’ degli orologi lo rivelano, che lascia allo spettatore di ritrovare la sua pacatezza (o la propria inquietudine a seconda dei casi), e per qualche istante, lasciarlo dirigere il suo personale film, fuori dello schermo.

Straordinari tutti gli interpreti a cominciare dal suo protagonista Geoffrey Rush, la cui impassibile interpretazione lascia a momenti sconcertati; a Donald Sutherland sempre grande anche nelle piccole parti, e a tutti gli altri, da Jim Sturgess, Sylvia Hoeks, Philip Jackson, Dermot Crowley capaci e misurati, e comunque ber orchestrati dal regista Tornatore che con questo film sembra aver recuperato la sua autentica maturità. Strano a dirsi, che aveva già dimostrato nel suo film presentato a Cannes “Una pura formalità’ del 1994. L’ottima colonna sonora di Ennio Morricone ovviamente si commenta da sola, opera di un vero ‘maestro’ il cui riconoscimento è ormai planetario.

Nb: risulta un tantino ripetitivo e piuttosto statico nella parte centrale che si potrebbe accorciare e che non penso inficerebbe la validità del film.

 

Nessun commento

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verr data la possibilit all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignit dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sar tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potr essere anche negativo ma non dovr entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno pu sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sar memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potr essere messo a disposizione dell'autorit giudiziaria.