LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Sara Cristofori
Déjà vu (Umidi e gelidi) *

- Se sei un utente registrato il tuo commento sar subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sar letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sar inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo pi veloce per commentare quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, possibile che tu abbia gi impostato tale servizio: [ autenticati ]
Umidi e gelidi
i vialetti del giardino
saranno presto
vivi di fiori
stride la ghiaia
sotto ai passi
io ripenso a te
cui ho potuto solo
dire addio.

 Nando - 30/06/2017 05:53:00 [ leggi altri commenti di Nando » ]

C’ il passaggio del dolore, ma, inevitabile, c’ anche quello della dimenticanza ovvero rifioriranno nei vialetti i semi sepolti nell’inverno degli addii; solo si mitiga nel ricordo questa apparente incomunicabilit tra le opposte "stagioni" di vita e separazione o morte.

 Klara Rubino - 28/06/2017 20:57:00 [ leggi altri commenti di Klara Rubino » ]

Questa spudorata semplicit cos IMMEDIATAMENTE comunicativa!
Umidi richiama il pianto quindi la tristezza; gelidi richiama il freddo e quindi la solitudine; lo stridere della ghiaia sotto i passi la dissonanza con una realt che procede verso la direzione dell’addio.
Quando poi qui scoppiato un lungamente atteso temporale mi sono accorta del ritmo tribale del primo verso: se prendi solo le vocali fanno: u- i i- e-e- i i.

 Salvatore Pizzo - 28/06/2017 20:50:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

Breve ed intensa, giusto come un rimpianto fulmineo che lacera con dolore ed avventatezza di sensazioni...
Molto bella mia cara Sara....
Un saluto

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verr data la possibilit all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignit dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sar tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potr essere anche negativo ma non dovr entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno pu sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sar memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potr essere messo a disposizione dell'autorit giudiziaria.