LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Giovanni Ivano Sapienza
Piccola regina più forte delle fiabe

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]



Lo sbuffo della manica
è da regina di antica elezione,
ma il mistero assale ,a stringerle la gola,
confondersi di un fato
di acque limacciose:
ora scuote il riverbero ,
punta se stessa a sfida
contro il nero della notte,
ben tese le braccia
sotto l’indaco triste
di una volta di lamiera,
un impeto galante
è l’ unico diversivo al male
di unicorni e principesse sospese,
ma uno schiocco di dita disperde
quell’assonnata parentesi,
bivio di Morfeo
abituato a barare:
viso regale turbato
da un riflesso d’onice,sardonico
ebano d’ amaro sentiero,mesto
accordo d’incerta fabula,
come affiorante
dal tempo indicibile,
rimosso,
capovolto,
diffida del varco offerto,
misura gli spazi
-lei, così farfalla…-
alla pantomima del suo vasto mare
oppone i brandelli di una gioia in frantumi.
labbra a cullare
la nenia al rivolo
con un trastullo di fragili barchette.





 Giovanni Ivano Sapienza - 03/08/2012 21:37:00 [ leggi altri commenti di Giovanni Ivano Sapienza » ]

Grazie,Carla, ti auguro una buona serata.

 Carla de Falco - 02/08/2012 23:13:00 [ leggi altri commenti di Carla de Falco » ]

Grande maestria descrittiva e vivida forza evocativa. Complimenti.

 Giovanni Ivano Sapienza - 02/08/2012 22:17:00 [ leggi altri commenti di Giovanni Ivano Sapienza » ]

Grazie,Maria,una buona serata.

 Maria Pace - 02/08/2012 17:54:00 [ leggi altri commenti di Maria Pace » ]

... splendido acquarello... dolce,malinconico, romantico e disincantato.... Bellissimo... Bravo!

 Giovanni Ivano Sapienza - 30/07/2012 18:35:00 [ leggi altri commenti di Giovanni Ivano Sapienza » ]


Ragazza disillusa ma forte, a tratti sognante ma diffidente verso pericolose chimere,ferita dal disamore negli anni dell’infanzia,ma viva.
Rappresentazione -evocazione empatica,dunque intensa e nel contempo distanziante ,di un idealtipo concreto,in un’ atmosfera magica e surreale.
Bravi,e un grazie di cuore,miei carissimi amici.

 Giovanni Baldaccini - 30/07/2012 18:30:00 [ leggi altri commenti di Giovanni Baldaccini » ]

Una favola onirica, espressa con linguaggio elegante, rimanda ad archetipi profondi e al tema della soglia, limite e baratro suadente che ci riguarda tutti. Una bella lettura.

 cristina bizzarri - 30/07/2012 17:02:00 [ leggi altri commenti di cristina bizzarri » ]

E’come visto da un vetro opaco, questo delicatissimo ritratto di una maschera. Sembra che un Henry Brulard - alter ego dell’alter ego! -dei nostri giorni si sia chinato compassionevolmente, empaticamente, a descrivere un carattere. Stupendo!

 Leonora Lusin - 30/07/2012 15:26:00 [ leggi altri commenti di Leonora Lusin » ]

punta se stessa a sfida
contro il nero della notte,
ben tese le braccia
sotto l’indaco triste
di una volta di lamiera,
un impeto galante
è l’ unico diversivo al male
di unicorni e principesse sospese,

-lei, così farfalla…-
alla pantomima del suo vasto mare
oppone i brandelli di una gioia in frantumi.
labbra a cullare
la nenia al rivolo
con un trastullo di fragili barchette.

Strana regina della notte, strano archetipo, siamo in quella zona di mezzo in cui gli archetipi s’incarnano dando luogo a prodigi ed equivoci, chissà come andrà a finire questa storia...

 Loredana Savelli - 29/07/2012 23:37:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

La trovo splendida: "lei, così farfalla...", ma ancora di più il tuo sguardo da cui ogni farfalla vorrebbe essere punta.
Davvero molto bella!!

 Domenico Morana - 29/07/2012 23:28:00 [ leggi altri commenti di Domenico Morana » ]

Ivano! E’ Lei, è Lei! Dove l’hai vista?
E’ Lei, così farfalla. E perché non mi parla più?
Giuro che questa poesia...

ah ok


Amour fou

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
 
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.