LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Ada Aliprandi
senza titolo

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]
Siam qui … tra crespe e buie insurrezioni di vento
Voglio silenzio sazio … Alberi luminosi grigio

E in questa torpidità che muovono i sentimenti più confusi drogati di valenze stringenti .
DELIRANTI SCOMPENSI.
Nevischi d'imprudenze e illogicità fumanti.

Ho il cuore insabbiato. Voci interiori dimenticate si diramano nell’inverno infestato del sole più nero.

E parlerò di me e parlerò di te. Dei nostri corpi incrociati danzanti tra atomi di ossigeno pericolanti.

Hanno distrutto i nostri sogni; libellule moribonde di una gioventù bruciata. Gioventù nascosta.

Io non so spiegarmi.

 Franca Alaimo - 15/01/2013 16:03:00 [ leggi altri commenti di Franca Alaimo » ]

Un urlo dolente che non sopporta la brevità dei versi e sconfina nel pieno della prosa, ma, se prosa è all’apparenza, essa trattiene il ritmo della poesia, martellata com’è di molte rime interne o, meglio, interiori, perché Ada sta facendo luce su una sensazione profonda di disagio, celebra la danza del corpo e dell’ anima attorno al proprio fuoco come libellule attratte dalla luce, ma destinate a bruciarsi; così come le sembra sia la sua stessa giovinezza, la giovinezza tutta di questo nostro tempo.

 Loredana Savelli - 14/01/2013 22:19:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Di grande efficacia. Mi colpisce molto.

 Domenico Morana - 14/01/2013 19:28:00 [ leggi altri commenti di Domenico Morana » ]

Qui Ada rivolta come un guanto l’assunto di Baudelaire che ci sia una certa gloria nel non esser compresi. E siamo responsabili noi lettori, allora, perché, se non in gloria, sia salva la sua poesia nel nostro non capire. Quando un poeta s’offre così si può solo sfiorare per un istante. Che ognuno poi rischiari quella risonante tenebra, se vuole, col lume della sua candela ...

 Cristiana Fischer - 14/01/2013 17:43:00 [ leggi altri commenti di Cristiana Fischer » ]

in realtà ti stai spiegando...

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.