LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Ada Aliprandi
Piano evasivo

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]
Nessuno parla della nostra solitudine
immersa tra milioni di click
Nessuno parla dei mostri acidi che ingoiamo
aspettando che la notte insonne svanisca
Volti al futuro marcio i nostri picnick tra neologismi
di falsi dei.
Riutilizzate le stesse poesiole e le ripassate di glassa
o di merda, secondo la voglia della platea del momento
I giochi che manipolate sono vecchi
e li vendete come robba nuova in realtà è
solo un mal copia di rivoluzioni scadute
(Ma parlo di te! Non di quello lì che indichi davanti al sipario!)
Fuori dal mondo coi sogni in abbandono
La voglia di starci presa a botte mentre guardi e ne chiedi di più
Nuove croci nel tuo virtual cervello e va bene così.
Non ne parla nessuno della solitudine.
Nemmeno voi della vostra
Così moderni e così connessi al vuoto fragore
multidinamico di parole sbagliate.
Ed io sarò più moderna di voi.

Bevo con te, amore, mentre mi stringi e mi sussurri
che la stagione cattiva è finita
Il mondo si capovolge e ci ricordiamo che la vita, in fin
dei conti, è una puttana simpatica
Un po' di terrore, dopo il sussulto, mi rapisce
convulso, mi coglie con lo sguardo assorto verso
il cielo; il mio cielo più vicino.
Noi ci teniamo per mano e beviamo una doppio malto
... mille orgie di pensieri tra i nostri sguardi di animali
feriti.
Voci ignoranti (nel senso che ignorano) intorno a noi
di gente che ride e non si diverte.
Non ho bisogno di ridere accanto a te;
sono libera di piangere in queste lunatiche fragili
sere,
anche quando le mie lacrime significano Amore.

La birra costa troppo, ma puoi comprarti un cellulare:
si vivono più cose dentro una scatola.
Dove sono tutti? Io ho perso il desiderio di cercarli.
Cosa c'è di mio? Esiste qualcosa nostra e basta?
Neppure la poesia è mia.
Non so scrivere, ma scrivere è diventato veramente banale.
E' virtuale quest'occhio che ti spia e che ti obbliga a sembrare.
E dunque per cosa ti mostri?
I pensieri hanno bisogno di manutenzione,
sono severi e privi di fantasie nuove,
ma mi tengono compagnia:
l'unica cosa che posso fare è parlarmi.

Posso resistere, questa resistenza che è solo sopportazione,
affinchè rivenga lunedì con una nuova intenzione,
così ingenua da provare vergogna nel rimostrarla.
Qui non c'è spazio per arrancare ancora.
Il cuore si ribella alla pietas criminale, chiudendo le porte.
E' inutile che io vi dica 'non ho bisogno di voi',
se mentre lo dico chiedo il vostro perdono

 Roberto Maggiani - 16/11/2014 18:11:00 [ leggi altri commenti di Roberto Maggiani » ]

Ciao Ada, leggo solo ora questa tua. La trovo molto significativa, cosparsa di una struggente malinconia.
"Nessuno parla della nostra solitudine
immersa tra milioni di click"
Ho come l’impressione di vivere questa realtà, talvolta. Il tuo testo mi pare che ben metta in evidenza il fatto che l’umanità viva il suo egoismo e le sue cattiverie a ogni livello esistenziale, incluso quello della rete. In cui si ricreano i giochi delle esclusioni e dei vuoti e dei privilegi e delle prevaricazioni, eccetera, che già si vivono nella vita fisica. Un testo che pur avendo qua e là, a mio avviso, piccole sbavature, nel suo insieme sa elargire la chiarezza, e dunque il sollievo allo spirito, della buona poesia. Grazie.

 Amina Narimi - 09/08/2014 20:16:00 [ leggi altri commenti di Amina Narimi » ]

mi è piaciuta molto
Ciao Ada

 Lorenzo Mullon - 08/08/2014 16:41:00 [ leggi altri commenti di Lorenzo Mullon » ]

il piano invasivo è stato studiato per inscatolarci, ma siamo noi ad averlo attuato, tutta paura e responsabilità nostra

il piano evasivo che pratico e consiglio da anni è la poesia ambulante, una vecchissima ricetta che funziona oggi ancora meglio

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.