LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Giulia Archer
monologo

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

“Grazie per le uova.

Esther e Alan

P.S. questo non è un gran vino, ma è bio e fatto con amore.” Il foglietto era attaccato con lo scotch alla bottiglia, posata sul tavolo in cucina. Sono dunque passati i vicini a cui ieri ho portato delle uova. Sette galline ho, e sette uova al giorno raccolgo. Sono puntigliose. E perchè poi una storia dev’essere raccontata dall’inizio alla fine e non viceversa? Oggi regalo uova ai vicini e mi ubriaco di primavera. Preferirei morire in primavera, malgrado la canzone di Brel.

Porto sempre al collo il reliquiario tibetano d’argento con un corallo al centro e spero di potere, un giorno, metterci le mie ceneri.

E’ quello che ho pensato quando me l’hai regalato e l’assurdo ci ha messo un po’ a farsi strada nel cervello. Troppo bella l’idea di portarsi al collo le proprie ceneri.

Il buon senso é proprio triste!  Dunque una storia sarebbe quella cosa che incomincia dall’inizio e finisce con la fine. La fine di cosa? Ma della storia, perdiana! Nulla finisce, a parte la storia. Se non c’é storia, non c’é fine. Per finire bisogna che ci sia una storia.

Cio’ mi rallegra, perché alla storia non ci credo affatto. Cosi’ non finisce niente.

Se provi ad avanzare camminando all’indietro avrai un’idea di cosa intendo. Un po’ come quando in treno ti siedi contromarcia: il paesaggio si aggiunge al paesaggio (addizione). Quando invece viaggi nel senso della marcia il paesaggio sparisce e ne compare un altro (sottrazione).

Alla fine - quella che non c’é se non c’é storia – ti gira la testa e ti addormenti: se Dio vuole e se sei in prima.

Arriviamo.

Il treno annunciato in ritardo.

I vagoni indicati all’inverso.

Maree umane si incrociano (bellissimo) cercando l’1 indicato al 9 cercando il 9 indicato all’1. Il contrario mi avrebbe stupita in un mondo che marcia alla rovescia!

Ho assistito a una cena dove una giovane architetto (che ha concepito la stazione TGV di Valence che peraltro é un orrore) ha parlato per 2 ore di seguito unicamente di sé, facendo aspettare a ogni portata i suoi amici silenziosi e attenti, ma coscienti e imbarazzati.  

 

Ci sono persone che ignorano la cultura del cibo: mangiano perché si deve mangiare, riempiono il sacco e si rivolgono ad altro. Altre invece coltivano il gusto del cibo, sia come momento di convivialità, o di piacere, sia come  fenomeno estetico-culturale.

Nei due casi devi aver fede, se no non ce la fai ad essere cannibale.

Stamattina la mia cagna ha sgnaccato due canidi di quelli tascabili con le zampe sottili sottili che fanno pensare alle ali di pollo disossate che vende il macellaio della coop per farle saltate che se le prendi in mano si spezzano come grissini che ti chiedi come fanno a starci in piedi. La popolazione al mare é ricca di canidi e umani. Bellissimi vecchi coi baffi bianchi che ti dici in fondo non é poi male esser vecchi e grassocce megere cordiali e tutte denti che sorridono al tuo cane e tu al loro perché non sei mica scema e sai che se sei gentile l’altro non resiste poi vai a berti un caffé e il tavolino é talmente piccolo e traballante che al primo canide tascabile che si avvicina sgnac la cagna lo prende per un gatto o altro e ti manda il caffé zuccherato che macchia da matti sulla giacca scamosciata che anche in saldo l’hai pagata tremila franchi a Parigi che era ancora l’epoca dei franchi quindi in fondo ha fatto una bella durata quando ci abitavi e non avevi cani perché la città non é adatta e poi a lavorare non avresti potuto portarcelo. Anche se...

Insomma stamattina il caffé é sul giaccone e lei tutta fiera dei complimenti che si becca da questo e quello e soprattutto le donne: com’é bella! Che età ha? Eh, si’, caro Giacomo, secondo me ti rivolti nella tomba. Nella quale non sei perché tutto é eterno ma non bisogna dirlo perché detto cosi’ di brutto fa spavento. Mi chiedo se l’uomo non ha proprio paura di essere eterno tanto che si odia!

 

 


 Domenico Morana - 05/04/2012 19:52:00 [ leggi altri commenti di Domenico Morana » ]

N(u)otevole!
:)

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.