LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di rasimaco
Caminanu li jorna

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Mi sentu vacanti

comu 'na rasta senza sciuri

quannu ti vardu

e senza sciatu restu.

 

Si iapri u me cori

comu a vila janca ri 'na varca

quannu ri 'npuppa ammutta u maistrali

e ti vardu ancora cu st'occhi ruci

senza sciatu e senza uci.

 

Caminanu li jorna

e puru li stasciuni l'accumpagnanu

ormai u malutempu arriva

e i pinseri si fannu sempri cchiù pisanti

comu sti jammi c'orammai cchiù un ci'à fannu.

Traduzione:

Vanno i giorni

Mi sento vuoto

come un vaso senza fiori

quando ti guardo

e senza fiato resto.

Si apre il mio cuore

come la vela bianca di una barca

quando in poppa spinge il maestrale

e ti guardo ancora con questi occhi dolci

di respiro e voce privo.

Vanno i giorni

e pure le stagioni l'accompagnano

ed i pensieri divengono più pesanti

come queste gambe ch'ormai più non ce la fanno.

 

 

Pbbl.scrivere-29.01.2019

 

 Lorenzo Tosco - 08/04/2020 17:32:00 [ leggi altri commenti di Lorenzo Tosco » ]

Voglio commentare il mio amico Rasimaco proprio in questa poesia dove, parlando lui il dialetto siculo, non ho capito nulla , mentre invece sono stato adiuvato ( bella parola!) dalla sua traduzione in elegante italiano.
Anche qui esplode come sempre il suo costante senso pessimistico della vita. Non si sente, come mi sento io (senza guardarmi allo specchio, naturalmente, e dopo fatto il raro bagno) simile a una fresca rosa aulentissina, ma lui ’com’una rasta senza sciuri’.
La lirica prosegue poi con quell’altaletante tristezza (anzi prprio non altalenante, perchè non appare intervallata da alcuna speranza) terminando pure con lo sfacelo del fisico (la voce manca, il respiro pure ...attento al coronavirus con questo sintomo!) e le gambe fanno ’giacomo giacomo’.
Comunque, a parte queste scherzose battute, una volta appreso il concetto, ho riletto la poesia in dialetto siculo e mi è piaciuta. E’ stato come sentire una canzone in una lingua che non conosci ma della quale hai letto le strofe in italiano. E l’ho goduta e apprezzata.
Stavo per aggiungere qualcosa, ma te la confesserò a voce quando potremo sentirci per telefono.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
 
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.