LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Paolo Melandri
Voltaire e la tolleranza

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

 

Voltaire e la tolleranza

 

         “Che cos’è la tolleranza? È l’appannaggio dell’umanità. Siamo tutti impastati di debolezze e di errori: perdoniamoci reciprocamente le nostre sciocchezze, è la prima legge di natura”[i]. Con questa frase si apre l’articolo “Tolleranza” del Dizionario filosofico, apparso nel giugno 1764, un anno dopo la pubblicazione, nell’estate del 1763, del Trattato sulla tolleranza. Ma il tema della tolleranza non è certo relegato – nel Dizionario filosofico – a questa sola voce. Basta scorrere altri articoli, da “Filosofo” ad “Ateo, Ateismo”, da “Cristianesimo” a “Fanatismo”, da “Superstizione” a “Religione”, per vedere come l’idea di tolleranza si unisca inscindibilmente a quella di lotta al fanatismo e di critica delle religioni storiche, in una prospettiva capace di richiamarsi, anche in àmbito religioso, a un’ipotesi di razionalità concreta e flessibile.

         Del resto la condanna delle religioni storiche è l’obiettivo prioritario che Voltaire si propone in questi anni sessanta. Il grido di guerra “écrasez l’Infâme” che, come ricorda Pomeau, appare per la prima volta nel maggio del 1761[ii] ricompare spesso nella corrispondenza di quegli anni e mostra bene come in questo momento emerga in primo piano la polemica contro il cristianesimo e, segnatamente, contro la Chiesa. Infatti nel giro di tre anni – tra il 1762 e il 1764 – appaiono a stampa non solo il Trattato sulla tolleranza e il Dizionario filosofico, ma anche quell’Extrait du sentiment de Jean Meslier che riconduce a puro deismo l’ateismo anarchico del curato di Eptrépigny. Dall’insieme di questi testi emerge una vera e propria opera di propaganda culturale e religiosa contro la Chiesa e contro ogni sorta di superstizione, che ritrova nel deismo il proprio credo e la propria teologia razionale. È la propaganda di chi sa di avere udienza presso un pubblico di “philosophes”, ma insieme di chi mira a estendere la cerchia dei propri lettori unendo le istanze della lotta e della polemica al controllo e alla misura della ragione. La scrittura di queste opere di ricerca religiosa e filosofica diventa allora forma di intervento politico e insieme peculiare cifra stilistica: basti pensare alla prosa limpida e asciutta, a tratti stringata, che si ritrova nei capitoli del Trattato sulla tolleranza o nelle voci del Dizionario filosofico.

         Ma in questo programma filosofico e civile quale lo spazio peculiare occupato dal Trattato sulla tolleranza? Esso nasce innanzitutto dall’esigenza di un intervento politico immediato: è un “pamphlet”, un testo di impegno diretto, un’arma contro la “superstizione” e l’ignoranza. Ma sarebbe impossibile, oltre che riduttivo, conchiudere il Trattato nei limiti delle circostanze – seppure eccezionali, come in questo caso – che lo hanno prodotto. E infatti ci troviamo di fronte a uno scritto lucido, accorato, teso, dove passione e ragione, polemica religiosa e programma filosofico, diventano una delle testimonianze più alte del secolo dei Lumi.

         Voltaire utilizza un fatto di cronaca per promuovere una battaglia in difesa della tolleranza, ma nello stesso tempo riesce a esprimere un’istanza più ampia, un’idea di universalità e di libertà intese come frutto di una lotta incessante della ragione contro ogni forma di oscurantismo.



[i] Voltaire, Dizionario filosofico, a cura di M. Bonfantini, Torino, Einaudi, 1971, p. 414.

[ii] R. Pomeau (sotto la direzione di), Voltaire et son temps, vol. iv, “Écraser l’Infâme” 1759-1770, Oxford 1994, p. 230.

 Cristina Bizzarri - 23/07/2014 09:30:00 [ leggi altri commenti di Cristina Bizzarri » ]

Leggendo Voltaire ho sempre immaginato un uomo dal sorriso divertito e ironico, dallo sguardo limpido e penetrante, dall’atteggiamento composto e armonioso: uno stoico felice!
Grazie per questo attualissimo spunto di riflessione, scritto con chiarezza e, mi sembra, anche con un sorriso sotteso di divertita, amabile ironia ...

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.