LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Paolo Melandri
Nel Silenzio

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

 

Nel Silenzio

 

Quando nessuna musica

È più dolce per te

Della musica del silenzio

Quando nemmeno il leggero fruscìo

Nel cavo degli orecchi

È più capace di legarti

Con il suo tenue filo

Alla tua esistenza

Allora sei diventato capace

Di ascoltare il silenzio

 

Quando poi sei passato

A saper sostenere

Questa presenza del silenzio solo

Allora forse sei in grado

Di saper gustare

Il dolce sapore di niente

 

Quando hai raggiunto la prova

Di saper reggere al gusto del niente

Che si fa acre durando

Forse non solo ti appare

Ma ti piace

Che l’annientamento

Sia il necessario sfondo

Della nostra vita precaria

Del resto

Particelle d’annientamento

Le sono già quotidianamente

Abbinate

Col sonno e con l’oblìo

E le sfumature

Dei loro derivati

Perché la necessità

Dell’annientamento finale

È solo l’ultima posta

Verso cui fila

Tutta una serie

Di necessarie anticipazioni

Che infilandosi l’una dentro l’altra

Formano la necessaria preparazione

Della finale necessità

 

Quando tu sia divenuto

Pienamente persuaso

Anche di questa comprensione

Allora ti è chiaro

Che per cogliere fino in fondo

La realtà della vita

E spremerne tutta la linfa

Non basta rassegnarsi

Al forzato annientamento

Bisogna imporsi il duro consapevole

Esercizio del silenzio

Altrimenti ci si lascia solo trascinare

Inerti come cose

Dall’impeto della corrente

Che vi sfocia

Il niente invece va conquistato

Volendolo

 

Quando tu sia arrivato

A quest’ultima consapevolezza

Finalmente puoi dire

Che il coraggio di questa severa attività

Ti ha fatto oltrepassare la paura

Dei confini del niente

E di avervi già disposto

La tua personale esistenza

Persuaso

 

Allora forse

Puoi essere degno di passare

All’esperienza contraria

Dal vuoto dal niente può darsi

Che scaturisca in te

Una fantasmagorica

Potenza di vita

Te la troverai di fronte

Improvvisa

Come un’enorme cascata

D’acqua bianchissima

Che t’investa scintillante

Di brillìi e di sprazzi

D’ogni colore

Dal buio d’una voragine sterminata

Tu stesso può darsi

Che sia capace

Di farne una qualche prova

Facendo brillare dal niente

Della tua scomparsa persona

Immagini iridescenti

E forse

Tu possa

Incontrare Dio

Nel silenzio

 

 

 

 

 

 

 

Paolo Melandri / 20 giugno 2013

 

 Cristiana Fischer - 21/06/2013 11:42:00 [ leggi altri commenti di Cristiana Fischer » ]

confido nella tua ironia se scrivi 91 versi per parlare del silenzio! ;-)

 Nando - 20/06/2013 22:27:00 [ leggi altri commenti di Nando » ]

Stupenda, Paolo. Dio non a caso dono i talenti! Davvero "meditativa".

Con ammirata stima

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.