LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Paolo Melandri
La pozzanghera

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

La pozzanghera. Gli orrendi falansteri ai margini della città, alti sei piani, terminati da quattro anni, potrebbero trovarsi anche nella periferia di Barcellona, Osaka o Milano. Qui, ad ogni modo, hanno operato non gli speculatori, ma lo Stato. A parte i balconi fatiscenti e le macche d'umido sulla facciata, la casa ha sì un aspetto deprimente e trasandato, ma non inabitabile. Solo l'ingresso somiglia a un cantiere. Dove dovrebbe esserci la strada d'accesso si trova un largo scavo di fondazione. Gli abitanti hanno buttato un paio d'assi sopra la pozza fangosa. Massaie e bambini passano prudentemente, facendo gli equilibristi, sul ponticello improvvisato. Ogniqualvolta in primavera arriva il disgelo, il livello del laghetto, su cui galleggiano le immondizie, si alza. Qui gli stranieri arrivano di rado. Dopo anni, qualcuno, forse particolarmente sprovveduto o particolarmente testardo, comincia a far domande. Da quanto va avanti questa storia?, vuol sapere dai suoi conoscenti che hanno un minuscolo appartamento al terzo piano. Risposta: è sempre stato così. Di chi è la colpa, chi dovrebbe occuparsene? Stanchi sorrisetti. Non si potrebbe reclamare? Alzate di spalle. Una petizione, sottoscritta da tutti gli inquilini, una delegazione che vada dagli amministratori responsabili? Nervosi tentativi di cambiar tema. Ma il visitatore non vuole darsi per vinto; almeno una volta, un'unica volta, gli piacerebbe andare a fondo della cosa. Ma adesso gli interrogati cominciano a scocciarsi. Si può essere contenti di avere finalmente, dopo dodici anni, un appartamento e a nessuno passa per la testa di giocarsi quanto ha ottenuto. Un'idea infantile, mettersi a protestare per una piccolezza del genere. Può venire in mente solo a uno straniero. In cinque minuti la polizia saprebbe chi ha ordito una protesta illegale e chi erano i caporioni! E va bene. Ma perché non fare da sé? Ci si procura un paio di vanghe, un camioncino, si riempie di terra e ghiaia, si mette una tubazione per il deflusso dell'acqua e si spiana l'ingresso; in due fine-settimana è fatta. Escluso. Ghiaia, tubi, materiale da costruzione sono di proprietà statale. L'iniziativa privata in campo edilizio è proibita ovunque, in città. Solo un pazzo può tentare di prendere a nolo un camion. E poi, quante volte bisogna dirlo? Se proprio deve accadere qualcosa, l'ordine può arrivare solo dall'alto, e chi non lo capisce non capirà mai questo paese. Ma insomma, l'alternativa è che le trenta famiglie che vivono qui dovranno inciampare su questa palude fino alla fine dei loro giorni! Nessuna risposta. Ci si lascia non senza una certa irritazione. Il visitatore ha infranto una regola del gioco, ha violato una legge non scritta. Ciò che per lui è assolutamente ovvio, è impensabile per tutti coloro che abitano qui.

 

© Paolo Melandri (14. 6. 2019)

Nessun commento

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.